domenica 27 dicembre 2015

Pranzo di Natale

Natale è soprattutto religione, ma poi anche festa, famiglia, buona tavola, regali... si ecco, buona tavola. E' così che ci si trova tutti insieme per smangiucchiare tante specialità trascurate o introvabili durante l'anno.
Nervetti e Insalata Russa...
Tavola imbandita, mancano solo i commensali e ... le pietanze ovvio!
 L'immancabile salmone intartinato... povero!

 Carciofi saltati in padella... la morte loro...

 Olive ascolane... Finite!
 Involtini di pesce.. Sopravvissuti sino al giorno dopo... poi finiti pure loro :)

Si arriva al tronchetto, che sostituisce il panettone/pandoro... Poi lunga passeggiata per smaltire.

sabato 26 dicembre 2015

Star Wars VII - Che lo sforzo sia con voi...

Vista l'intera saga, sin dalle origini, non potevo sottrarmi a quest'ultimo episodio.
La curiosità, legata al gran battage pubblicitario ed al nome del regista J.J. Abrams, quel genio che ha firmato Lost e l'ultimo Star Trek...
 
 
Ecco, diciamolo subito e togliamoci il dente: Star Wars VII è una cagata pazzesca.
Quello che pensano di noi è semplice: che basta prendere vecchi attori e fargli fare le stesse cose del primo episodio... ed ecco fregato il pollo.
 
Ma veniamo alla trama: in un pianeta sabbioso una giovane attende qualcosa/qualcuno e nel frattempo recupera rottami (già visto), improvvisamente gli casca addosso un droide che lei non vuole ma che le si appiccica e che tutti vogliono (già visto)... in particolare lo insegue il Primo Ordine (che assomiglia ad un altro nome ... L'Impero, il Pero...)... anche questo già visto.
La giovane, aiutata da uno dei bianchi militari dell'impero (che tolta la maschera appare nero e tozzo come un orso - vedasi foto) fugge usando casualmente un astronave lì abbandonata (che caso, è il Millenium Falcon, che caso)... e mentre fugge salgono a bordo Ian Solo e Chewbacca che di mestiere fanno i contrabbandieri (già visto) e che hanno problemi di soldi con due diversi poco raccomandabili tizi (già visto)...
Fuggono, si ma vengono traditi (già visto) e raggiunti e durante il feroce combattimento che ne segue, la giovane (che si chiama Rey) viene catturata dal cattivo che porta una maschera (già visto, solo che questo respira meglio, merito del nuovo filtro anti PM10) e costretta a confessare dove si nasconde il droide caduto dal cielo che contiene la mappa che nessun riesce a leggere perché ne manca un pezzo (tutto incredibilmente già visto) per poter raggiungere udite udite: Luke Skywalker... che senza di lui il film non vale una pippa e tutti lo rivogliono, persino il regista.
 
Mi risveglio a forza... e arrivo alle battute finali: il Primo Impero, no il Primo Ordine, no il .. si insomma avete capito, i cattivi! Ecco i cattivi costruiscono una super astronave che è un pianeta cavo (tipo la caramella Polo solo che non è piatta, è tonda) al cui interno si trova un supercannone sfascia pianeti e frattaglie (già visto) e in cui vivono molti cattivi, compreso il loro super capo che appare seduto su uno scranno ed è brutto forte, ma meno del precedente (già visto) e che parla sempre con Kylo Ren, il nuovo cattivo con la maschera, che oltre a respirare meglio del precedente è il figlio di Ian Solo (ecco quello dello scontro generazionale mi è nuovo... anzi no, già visto) e che è passato al lato oscuro, forse perché non voleva fare i compiti...
 
Si arriva alla battaglia fatale, le astronavi dei ribelli (in tutto e per tutto uguali a quelle del primo episodio, che manco la FIAT quando ha rifatto la 500 l'ha copiata uguale uguale) si scagliano con forza mai vista contro il pianetone, che però è protetto dagli scudi e che per togliere gli scudi bisogna entrare nel pianetone e che si usa lo stratagemma del cavallo di Troia (già visto, già visto, già visto) e colpiscono il cannone distruggendolo.
 
Non manca lo scontro finale tra Kylo Ren e Ian Solo, padre e figlio cercano di superare i loro dissapori senza riuscirci e ci scappa il morto... (già visto).
Si giunge a ricostruire la mappa che porta a Luke... e da lui va la nuova giovane guerriera che nel frattempo ha dimostrato di avere i super poteri... (ma dai ? che strano) e lo trova imbambolato manco avesse una paresi...
 
Dimenticavo, appare una new entry: Max Von Sidow che però dura 5 minuti netti... Amen.

venerdì 25 dicembre 2015

Così ha inizio il male

"Come fa la gente a trovare il coraggio di contrarre matrimonio"? E' questo l'incipit di questo romanzo.
"Così ha inizio il male" è la storia di un matrimonio. Una storia intima. Che tuttavia viene rivoltata come un calzino.. di cui tutti conoscono tutto e di cui nessuno, in fondo, vuol sapere nulla.
E' solo il nostro Juan, voce narrante, che riesce a dare un volto al disprezzo che da collante tra Eduardo Muriel (regista di serie B) e sua moglie Beatriz.. un odio feroce che può più dell'amore e che consuma entrambi sino a divorarli.
Ma quale è stata la causa scatenante?
E' così che la matassa si dipana di fronte a noi, ed è la letteratura il vero artificio, che fa di questa triste vicenda un piccolo piacevole capolavoro. Un ottima prova per il romanziere spagnolo Javier Marias
 
 
 


Tex - Sasquatch

 
Ennesimo episodio di Tex, alle prese con il soprannaturale...
Divenuto guida di una spedizione scientifica sulle montagne selvagge del nord America il nostro si imbatte in strani totem, raffiguranti uno scimmione.
La sua curiosità non può essere soddisfatta nemmeno seguendo il suono di tamburi, che lo portano ad assistere ad un rito indiano.. infatti, scoperto dagli stessi, è costretto a difendersi per non essere ucciso.
Nemmeno gli gira bene con i suoi compagni di viaggio.. pendagli da forca dalla pistola facile e dall'umore discutibile, finiscono per dargli qualche grattacapo, durante una battuta di caccia.
Così si giunge all'epilogo, quando in nome della scienza, qualcuno vorrebbe catturare il vero Piedone/Bigfoot/Sasquatch... cosa a cui Tex si oppone.
Interverrà l'uomo peloso a rimettere a posto le cose... Speriamo che nei prossimi episodi, Tex ritorni alle sue abituali occupazioni. Thank's.

domenica 20 dicembre 2015

Extinction

Film del 2015, diretto da Miguel Anges Vivas.
Nove anni dopo una terribile epidemia, che ha trasformato il genere umano in mostri affamati di carne, due uomini vivono uno di fianco all'altro, ignorandosi totalmente, in mezzo ad una natura ostile fatta di ghiaccio, neve e freddo.
Uno dei due ospita quella che parrebbe essere sua figlia.
Questa situazione rimane pressoché invariata per 3/4 del film, sino a che il ritorno dei mostri (peraltro molto e stranamente troppo mutati nell'arco di 9 anni) li obbliga ad una nuova convivenza.
Scopriremo così i segreti che hanno fatto nascere odi e incomprensioni.
Il finale ricorda "io sono leggenda", con l'assalto dei mostri alla casa e la lotta per sopravvivere.
Nonostante i pochi mezzi a disposizione, l'idea della casa in mezzo al nulla, la neve, il clima di paura e al contempo l'odio dei due personaggi riesce a tenere viva l'attenzione e la trama regge anche una visione attenta.
Non male.


venerdì 11 dicembre 2015

Ancora vittime, ancora la religione

No, questa volta non sono arabi. Non è fondamentalismo mussulmano. E' un cristiano (almeno dice di essere tale) ma comunque resta un fondamentalista.
E' folle osservare (o non volerlo fare lo è in pari misura) come la religione riesca a far breccia in menti deboli e limitate. Al punto da non essere in grado di riuscire a difendersi da ogni genere di predicatore che veda nella morte altrui, l'unico rimedio a far prevalere il proprio pensiero (che non ammette repliche) sul prossimo.
Ogni ostacolo va rimosso per il fedele alienato, anche a costo di sovvertire il messaggio religioso (ma è veramente così? o sarebbe ora che chi predica si prenda la responsabilità di ciò che dice) andando a colpire chi non solo ha tutto il diritto di non credere ma, nel rispetto delle leggi dello Stato (che sino a prova contrario in USA è laico) fare il proprio lavoro.
Se fosse stato un arabo apriti cielo! Trattandosi di un cristiano, qui si parla di alienato. Ma è veramente così?

giovedì 10 dicembre 2015

Un Arca colma di bugie

Notizia di questi giorni: in Kentucky verrà realizzato un parco a tema sulla creazione e avrà quale attrazione principale l'Arca di Noè.
Molto spesso mi chiedo che idea abbiamo degli States e quanto essa sia distorta. Ci immaginiamo uno Stato ove il credo nella scienza renda tutti più ricchi, più belli e lanciati verso il Sol dell'Avvenire (accadeva anche altrove ma finì tragicamente).
Invece è un coacervo di bigotti, fondamentalisti religiosi, razzisti, nazisti, folli di ogni genere e ove è facile essere pistolettati (sparati) per le proprie idee, tanto quanto in altri luoghi della Terra ove la democrazia non esiste.
Quella dell'Arca e del parco creazionista è l'ennesima demenza. E' come se da noi, alla Minitalia, al centro della laguna di Venezia, trovassimo un Arca e un demente che ci racconta che derivando noi da Dio (ed essendone immagine e somiglianza) dobbiamo buttare a mare ogni nostra scoperta scientifica.
Vade retro!

In the heart of the Sea

Ron Howard dirige un film epico, come non se ne vedevano da tempo.
E per farlo scomoda uno se non il migliore romanzo americano, e uno dei migliori scrittori del lontano '800, Herman Melville.
I libri, si sa, sono contenitori di altri libri a loro volta di altri libri e così via sino alla notte dei tempi, nella trasformazione in inchiostro di quell'oralità che gli antichi ci hanno tramandato e che tutt'ora resiste in forma di confidenza, chiacchiera, o semplicemente diceria.
Si narra che.. quando ancora la caccia alla balena (senza voler fare una filippica ecologica) era combattuta ad armi pari, il rischio del baleniere era elevatissimo, sia di perire che di non portare a casa di che vivere.
In una società preindustriale, ove l'olio di balena costituiva luce per le lanterne di case e strade, alcuni Stati (e tra questi in particolare i giovanissimi USA) avevano costituito una fiorente industria.
Lo scopriamo insieme al primo ufficiale Owen Chase (Chris Hemsworth) ed al suo capitano George Pollard (un ottimo Benijamin Walker) inviati a raccogliere 2000 litri di olio a caccia di balene in tutti i mari.
Incontreranno un capitano spagnolo che per primo gli racconterà di un luogo ove le balene abbondano, si, ma al prezzo della sfida con la balena bianca: Moby Dick.
E' l'inizio della sfida contro la natura selvaggia, contro l'inspiegabile, contro l'avidità che li spinge a tutto... l'esito è noto a tutti e sarà disastroso.
Diretto e condotto eccezionalmente, grazie ad effetti speciali ed al forte contrasto tra la natura selvaggia che circonda la nave e quei quattro legni che separano la civiltà dall'intorno...
E quando i legni cedono, ogni convinzione crolla.

martedì 8 dicembre 2015

The Walking Dead - Giorni perduti - il fumetto

The Walking Dead è innanzitutto una serie di fumetti horror, creata da Robert Kirkman e pubblicata a partire dal 2003 dalla Image Comics.
Ben disegnato e spaventevole quanto basta, ci riporta nelle angosce americane (e di tutti noi): un invasione zombie trasforma la nostra società, per come la conosciamo in una totale anarchia senza speranza.
Come sopravvivere e per cosa farlo? Ognuno si aggrappa a quel che ha. Alcuni al nulla. Ha inizio la serie a fumetti... Da questo racconto anche la serie TV.

lunedì 7 dicembre 2015

Tomorrowland - il film

Ho faticato a capirlo. Sarò tonto... intendiamoci.
Ma questo correre avanti e indietro per far cosa? Questa terra promessa, questo futuro radioso.. e se fosse una sonora presa per il culo del comunismo? Ma quello è morto! Che cerchiamo ancora?
O forse è una presa in giro dell'America, dello stile USA, della patria del Self made man...
Vabbè, si salva George, con quella faccia gigioneggiante, ti aspetti che da un momento all'altro sorseggi un Nespresso...
La trama: grazie ad una spilletta si viene trasportati nel futuro e si assiste al come questo sarà... la scienza ovviamente la fa da padrona! Niente dilemmi sociali, religiosi, politici, etici. Nulla! solo scienza e che cosa è la scienza? Come diceva Zichichi magicamente interpretato da Crozza...
"Prendete un tubo, del dodici, ecco! questo è il film! un tubo, vuoto ovviamente".
"What Else?"

sabato 5 dicembre 2015

Ant man - il film

Sempre più spesso la sigla "Marvel" è foriera di ottimi film.
E' questo il caso. Con un ottima trama, un supereroe credibile e divertente, un cast interessante e convincente, effetti speciali grandiosi e tanto divertimento.
La storia, per chi legge fumetti, è nota a tutti... Anche se, viste le dimensioni, questo eroe rischia di passare inosservato...
Ladro, uscito dal carcere, cerca di rigare dritto per amore della piccola figlia. Purtroppo non tutto gli riesce ed è costretto ad organizzare un furto aprendo una cassaforte di altri tempi.
Non trova nulla, se non una tuta che lo miniaturizza. Tutto diventerà chiaro quando l'inventore della tuta gli si presenta e lo coinvolge in un progetto per impedire il progredire di un progetto simile al suo in mano a solito cattivo.
Vedremo anche gli Avengers... ma solo per rapinarli di una diavoleria elettronica.
Divertentissimo per grandi e piccoli. Nel cast: Michael Douglas, Paul Rudd, Corey Stoll.

The Visit - il film


 
 Ovvero, come trasformare un idea geniale in un indicibile cavolata...
Shyamalan ci ha oramai abituati da tempo ad alternare veri capolavori ad emerite boiate.
Questo è il turno della genialità mancata.
Una storia geniale, con un finale da buttare via.
Una madre invia i propri figli in visita dai nonni, con i quali ha litigato e che non vede da anni...
Tutto viene filmato con la videocamera amatoriale... tutto bene sino a che cominciamo a scoprire che i nonni non stanno molto bene... ma si sa non siamo tutti un po' tocchi?
Le cose precipitano quando (spoiler) si scopre che i nonni non sono loro, anzi sono stati uccisi e sostituiti da due pazzi fuggiti dall'ospedale psichiatrico ove i due facevano volontariato... Come andrà a finire? Ve lo dico io, così vi rovino del tutto la voglia di vederlo... una incredibile boiata.

I fantastici 4 - il film

Profondità psicologica dei personaggi, la fiamma che diventa nero (nel rispetto delle razze), la Cosa che appare realmente sofferente, e poi un nemico, il dottor Destino, realmente pauroso.
Questo è un signor film. Spettacolare quanto basta, ma soprattutto votato allo spirito americano: chi vuole raggiungere un obiettivo ce la può anzi ce la fa.
Per questi motivi dico che merita di essere visto, che supera di gran lunga le precedenti versioni e che da qui varrebbe la pena lavorare ai prossimi episodi.
Infine una domanda: con cosa si copre il Dottor Destino? con le mutande? Ezia sostiene sia la bandiera americana...

sabato 28 novembre 2015

il kit del 21° secolo

Mettiamola così: questo libro merita un piccolo punticino per la descrizione dell'Europa e del suo funzionamento. Un altro piccolo punticino per la descrizione dell'ecologia e il futuro del cibo; per tutto il resto dico solo che se vi trovaste catapultati nel futuro con in mano questo libretto ad aiutarvi morireste all'istante.
Una summa di inutilità, di pasticci, un accozzaglia di argomenti maltrattati, bistrattati e che non c'azzeccano nulla tra loro e con l'argomento/titolo del libro.
Per favore, se ha vinto dei premi come afferma la 4° di copertina, qualcuno glieli faccia restituire... grazie.

sabato 21 novembre 2015

il signore delle mosche

Libro del 1952, ebbe un grandissimo successo con oltre 14 milioni di copie vendute.
Tema principale è la trasformazione dell'uomo in belva, incivile, selvaggio appena le regole della società vengono meno.
Un gruppo di ragazzi naufraga/cade su un isola deserta.. seguiamo così la loro progressiva trasformazione in selvaggi e vediamo crollare tutte le regole che si sono dati per ristabilire l'ordine.. appare così il "signore delle mosche", testa di animale che genera più paura del rimedio per cui è stato ideato.
Solo il ritorno degli adulti riporterà le cose al loro posto... anche se l'innocenza dell'adolescenza è persa per sempre.
Ancora una volta appare evidente una verità: per tenere sotto controllo la massa occorre contrapporle un terrore tale da accettare il dominio di un dittatore. Mezzo sempre utilizzato da chi vuole governare con l'inganno. Anche oggi, cambia il pericolo (vero o presunto) ma non cambia la volontà di predominio... alimentata dai media e da internet.

Self Less - il film

Se fosse possibile prolungare la vita, prendendo il corpo (giovane) di un altra persona e impiantandoci i contenuti del nostro cervello?
Questa l'idea del film. Idea mica tanto malvagia, sin tanto che i corpi sono recuperati in modo corretto, diverso è quando arrivano dal ricatto, dal crimine. Se ne accorge a sue spese un riccastro senza scrupoli, che arriva a fine vita e decide di riprovarci.
All'inizio una favola, poi con il passare del tempo ed a causa di brutti incubi, tenuti a bada da rosse pastiglie, il tutto diventa un inferno.
Gli scrupoli gli verranno eccome!
Non male, Ryan Reynolds (faccia da cucciolone buono) mette in campo un ottima fisicità e prestanza (per la felicità delle spettatrici) e la trama regge abbastanza regalando parecchia tensione.
Ben Kingsley, nel ruolo del riccastro che, si rende conto di aver trascurato le cose vere della vita, risulta sempre credibile...

venerdì 20 novembre 2015

Everest

Film del 2015 diretto da Baltasar Kormàkur e riassume la drammatica spedizione sull'Everest del 1996 narrata nel libro "Aria Sottile" da Jon Krakauer.
Non è un film di eroi, di avventura o di alpinismo. O meglio, si ci sono tutti questi ingredienti. Ma l'intento della regia è far virare la storia verso una diversa piega: quello della denuncia alla massificazione dell'avventura e dell'uso distorto della montagna.
Trattandosi della narrazione di una storia vera, il messaggio è ancora più realista e l'obbiettivo morale ancora più calato nell'evento.
L'idea che il raggiungimento della vetta (e che vetta) possa collocarsi tra le 100 cose da fare prima di ... è alla base del film. Quel pensare di ascendere, di purificarsi, di illudersi di essere migliori della massa (pagando fior di quattrini, ma senza una adeguata preparazione) e poter raggiungere l'irraggiungibile è il vero nucleo del film. Il risultato sarà un disastro e la montagna spettatrice della vanità dell'uomo e della punizione che lo aspetta.
Non c'è eroismo, se non per tentare di salvarsi e di salvare, non c'è alpinismo (se non nel tentativo di scimmiottarlo senza esserne capaci), non c'è ad un certo punto più nemmeno l'avventura, trasformata in un circo per paganti che ha un pessimo finale. Bella la fotografia e gli effetti speciali.

giovedì 19 novembre 2015

Ancora sul clima...

Leggere per credere. Il prossimo anno sarà peggio... E poi c'è chi dice che va bene così e che il problema clima non esiste.

domenica 15 novembre 2015

Crimson Peak

Film del 2015 co-scritto e diretto da Giullermo del Toro.
Un legame morboso, una casa abitata da fantasmi, un affresco gotico e glaciale, morti violente, denaro, amore e odio, segreti inconfessabili.
Gli ingredienti ci sono tutti. A partire dall'ottima interpretazione di Tom Hiddleston (qui nei panni di Sharpe un baronetto decaduto, che accompagnato dalla sorella é in cerca di finanziatori), dall'altra parte l'America, rappresentata dal padre di Edith Cushing (la bella figliola che crede ai fantasmi)  che crede solo nel duro lavoro e fa indagare i due nobili...
Edith (Mia Wasikowska nel film) cede alle profferte d'amore del barone e si trasferisce in Inghilterra nella casa originaria dei Sharpe..
La realtà sarà peggiore degli incubi premonitori di Mia. Veleno, omicidi, stanze segrete e incesti... Sino al finale rivelatore... Ottima ambientazione, i costumi e le idee del tempo. Dagli strumenti (il fonografo, la macchina a vapore per estrarre argilla, le scoperte mediche del periodo) alle mode, alle aspirazioni, ad una borghesia che vorrebbe il meglio ed è disposta a tutto per averlo.

Montagna Ronda

Recandomi in Val Strona, l'itinerario presenta vari episodi su cui riflettere: Edifici abbandonati...
Panoramica della Val Strona.
La vista dal Colle: a Sinistra il Capezzone. A destra la Montagna Ronda... un superbo camminamento li unisce, un vero legame che corre da un capo all'altro a coronamento della valle.

Una bellissima dedica a chi sale su queste cime per trovare se stesso.
La strana croce che caratterizza la Montagna Ronda.

Questa gita si caratterizza per una serie di motivi: 1) il meteo anomalo. siamo al 14 di Novembre e fa ancora caldo... 2) la velocità di salita, 2h21' praticamente ho volato, 3) l'itinerario tanto desiderato. Era infatti l'ultima cima della Val Strona e volevo assolutamente farla quest'anno. Tutto è andato per il verso giusto, a parte aver smarrito il sentiero sia all'andata che al ritorno...

venerdì 13 novembre 2015

L'ultima notte del Rais

Mu'ammar Gheddafi è stato senza alcun dubbio, una figura controversa nel panorama dei despoti africani e quello che, con autentiche piroette e furbizie di ogni tipo, ha saputo costringere gli occidentali al rispetto od almeno al riconoscimento.
E dire che di disastri ne aveva combinati, dando accoglienza al terrorismo internazionale, lanciando missili su Lampedusa e altre corbellerie a cui hanno fatto seguito ritorsioni da parte degli USA ed infine l'attacco da parte delle forze della coalizione che lo ha portato alla destituzione.
Noi italiani lo ricordiamo bene per l'aver allontanato (nel 1970) tutti i cittadini della nostra nazionalità dopo averli privati di ogni bene.
La nostra penosa democrazia non solo ha dimenticato alla svelta questo vergognoso episodio, ma ha permesso a questo furbastro dittatore di piazzare la sua tenda (con tanto di amazzoni) a Roma, in occasione di una sua visita.
La sua morte (e questo libro ne narra gli ultimi episodi in vita) ha portato la Libia nel caos...
Evidentemente questo popolo non è ancora pronto alla democrazia, dovendo prima ricostruire uno stato che superato il trauma del colonialismo, raduni il popolo intorno ad un ideale identitario di crescita e sviluppo e non più di vendetta e odio.
Bellissimo il libro che si legge d'un soffio. il nostro Gheddafi si confronta con la fragilità del potere perduto e sulla presa di coscienza che il popolo lo odia. Bravo Yasmina Khadra/Mohammed Moulessehoul nel descrivere gli stati d'animo del potente costretto a capitolare.

Marcia per il clima

Mi associo anche io alla Marcia per il Clima, che accompagnerà l'evento di Parigi il 30 Novembre.
Marciare per difendere il clima dall'aumento della temperatura, dal mutare repentino del nostro ambiente e dai rischi per il futuro, credo sia un ottimo motivo.
Per questo invito tutti a partecipare o almeno a passare la voce, a riflettere su un problema che non è di una parte politica o dell'altra. E' di tutti!

giovedì 12 novembre 2015

Moby Dick

Capitano di una baleniera perde una gamba nello scontro con una balena bianca.
Da quel momento non si da pace e vuole ucciderla per vendetta.
La sua follia sarà la sua rovina.
Questa è la storia di Moby Dick. Ma per fare di questo racconto un capolavoro occorre evidentemente altro. E cosa ne ha decretato il successo?
Qualcuno parla di un romanzo per ragazzi. Nulla di più improbabile.
Romanzo di avventura. Forse, ma troppo, troppo complicato.
La letteratura si esprime ai massimi livelli, al punto che ogni pagina va letta piano piano, masticata, ma il ritmo del racconto si fa forsennato, la punteggiatura, il periodo, il coinvolgimento accelera al punto di non riuscire più (come certe riprese dei film horror di Carpenter) a tenere il passo.
Chiamatemi Ismaele, qualcuno che ha vissuto questa avventura e ne è sopravvissuto per raccontarcela. Poi la serie di personaggi che si disvela, sino al gran finale.

"Qualunque sia la superiorità intellettuale d'un uomo, mai riuscirà ad acquisire concreta ed efficace supremazia sugli altri senza l'ausilio d'una qualche forma d'artificio e d'usurpazione esteriori, sempre, di per sé, più o meno gretta e meschina".
Con perle di saggezza simili, disseminate qua e la, si dipana il racconto... Facendoci comprendere che la volontà ultima dello stesso è formare il lettore alle verità della vita ed al suo amaro termine, alle miserie umane ed alle sue immutabili evoluzioni/involuzioni.

"Del sotterraneo minatore che lavora in tutti noi, com'è possibile dire dove sbocchi il pozzo, basandosi sul sempre mutevole, soffocato rumore del suo piccone?"

E ancora "sbilanciata era la nave come uno studente con la pancia vuota e la testa piena d'Aristotele".

Come conclude l'intera vicenda?
Ancora una volta Melville ci viene in soccorso con una metafora: "Tutti gli uomini vivono avviluppati in sagole di balena. Tutti nascono col capestro intorno al collo; ma è soltanto quando vengono catturati nella repentina, subitanea volta della morte che i mortali si rendono conto dei silenziosi, sottili, onnipresenti repentagli della vita".

Se non l'avete ancora letto ricordatevi della predica su Giona (chiave di volta del racconto), leggete bene i rapporti tra Ismael e Quequeng (un inno all'omosessualità), l'entrata in scena di Achab (vera anima nera), il suo alter-ego e parte buona Starbuck, le baleniere incontrate (moniti non ascoltati nell'immenso oceano) ed infine Moby Dick: a lungo annunciata e temuta, si profila all'orizzonte, combatte, colpisce e infine muore... ma questa è un altra storia.
 

lunedì 9 novembre 2015

The Martian

Certo intendiamoci; dopo aver visto questo film, Ridley Scott resterà il grande regista di Blade Runner e Matt Damon un bravissimo attore, tra i miei preferiti.
Tuttavia, per dirla tutta, nonostante il grande battage pubblicitario e le ottime premesse, questo film mi ha deluso.
Siamo lontani anni luce da Gravity e Interstellar, e non lo dico solo in senso astrale.
Il nostro novello Robinson Crusoe, privato dello spassoso Venerdì, fa acqua da tutte le parti (e dire che su Marte non ce n'è).
Prendiamo l'Adamo Primitivo di tanta letteratura americana, spostiamolo su Marte, diamogli tanta certezza nella capacità della Scienza, ed ecco il film che gli States vogliono vedere.
Manca Dio (se ne parla poco), manca la Famiglia (il protagonista non è sposato o fidanzato), si intuisce la Patria e la Nasa gioca il ruolo della Chioccia con i pulcini, ma la sostanza è lì intatta, intonsa.
Ed eccolo di fronte a noi, il botanico più gagliardo del mondo, anzi no, di Marte. Che grazie a patate ed escrementi sopravvive contro la natura matrigna (altra domanda, ma la natura su Marte è matrigna o aliena?)... E allora vai di pennarello a segnare il trascorrere del tempo, di discomusic e di serie tv (Donna Summer ed Happy Days), di soluzioni geniali e di preoccupazioni superabili.
Intuibile anche il finale con recupero al cardiopalma, sala controllo che esulta, bandierine americane e approvazione cinese (furbi loro).
Un per niente bel film. Anzi no, scusate. Un brutto film.

domenica 8 novembre 2015

Last Knights - il film

In un passato remoto (bacato ed alternativo) un cavaliere bello (un poco magro e senza spalle) difende l'onore del suo padrone. La casata dei Bartok (che poi è il prezzemolissimo Morgan Freeman)  viene distrutta dalla solita congiura di corte.
Un imperatore improbabile e il suo primo ministro corrotto (e altrettanto improbabile) decidono che la corruzione debba prevalere sull'onestà e a pagarne le conseguenze sia il fedele suddito (il Bartok appunto).
Senza padrone, senza cavalieri, senza onore, il bel cavaliere (senza spalle)  si da all'alcool ed all'autodistruzione... o forse no. Tutti gli credono e pensano di essersi tolti un bel peso e potersi godere il potere conquistato col raggiro... Invece no!
Tutto era un trucco, una macchinazione, una parvenza... e così infuria la battaglia finale, nel nome dell'onore da salvare..
Bello? Discreto!
Originale? Mica tanto!
Realistico? Per nulla: regni immersi nel ghiaccio (agricoltura zero), acciaio inventato prima del tempo, Signori di ogni colore e razza (magari in antichità si usava)... morale anche il finale è un incognita. Per distrarsi senza crederci troppo.

Conca del Mottiscia

 
Poche parole per descrivere la Conca del Mottiscia, ampia vallata alpina collocata sopra l'Alpe Veglia. Anche questo itinerario mancava all'appello di un anno alpinistico caratterizzato da nuove scoperte ed esplorazioni. Con Franca. Bellissimo.




sabato 7 novembre 2015

Ragnatele

Ragni e rugiada sono una combinazione vincente. Eccone alcuni esempi. Geometrie incredibili.. ma come fanno? E soprattutto, come tolgono tutta quell'umidità?
 

PPP


Moriva 40 anni or sono, ucciso in malo modo e ancora oggetto di mistero.
Pier Paolo Pasolini non era moderno, non era per la modernità. Legato a doppio filo alla sua terra, alle tradizioni contadine, al dialetto.
Fu poeta e giornalista, anima irrequieta e controcorrente. Seppe vedere lontano e dire la sua.
Mi innamorai della sua prosa con "Ragazzi di Vita", meno dei suoi film... ma non sempre tutto può venire bene.
Schierato con i poliziotti figli del proletariato e contro i capelloni borghesi che parlavano di rivoluzione a pancia piena. Seppe vedere il male del progresso prima che si manifestasse.
Anche lui, come il corvo di "Uccellacci ed Uccellini", viene ascoltato ma alla fine muore, mangiato dai protagonisti, stanchi delle sue parole. Questo fu Pasolini, voce solitaria.

il Ponte sullo stento

E fu così che anche il nostro giovane Primo Ministro Renzi si è lasciato scappare la promessa "il Ponte sullo Stretto si farà".
Certo, ha subito declinato l'evento ad un "poi"... Prima vanno fatte strade, depuratori, magari ridato l'acqua a Messina (al limite un giorno si e uno no) ma poi... poi ... il Ponte arriverà.
Fatico a capire (ma mica poi tanto) cosa porti un essere dotato di buona intelligenza e lungimiranza, ad imbarcarsi in certe faraoniche promesse (anzi per aggiornare il verbo in Berlusconiane promesse).
Si era appena sopito il brusio derivante dalla precedente rinuncia, mentre non si sono ancora spente le dolenti note derivanti dai danni e contumelie da pagarsi alle ditte che non faranno più il precedente ponte... e già si ricomincia a parlare del nuovo.
Gentile Primo Ministro. Guardi l'Italia, ne osservi le drammatiche condizioni derivanti da un terreno fragile e mal tenuto. Osservi i fiumi tombati e ristretti in canali di cemento, la mancanza di manutenzione dei torrenti, ci aggiunga l'elenco infinito delle opere mai finite... Poi, in fondo, ma molto in fondo (come Valentino Rossi alla sua ultima gara) ci metta il Ponte.
Ecco, sì lì a destra (come in quella pubblicità della Sicilia, ove il soggetto viene fatto finire in mare per non turbare il paesaggio) e ce lo si lasci.
Difficile? io non credo.

domenica 1 novembre 2015

Buona notte di Aulin a tutti...

Sfrutto liberamente una battuta di un amica, nei confronti della nonna... "ma cusa l'é questa notte di Aulin"? Ecco, esattamente cosa è questa notte?
Molto si è detto e scritto al riguardo, di fatto cominciando sempre da un punto fermo. E' una festa importata, maltrattata, bistrattata, travisata.
Se Halloween serve a ricordare i morti e scacciare i fantasmi, ben venga.
Se si tratta di vestirsi in maschera, ridere della morte, farsi beffe del prossimo, ben venga.
Se si tratta di adattare una ricorrenza altrui senza conoscerne le origini, ma solo perché così ci si diverte... beh credetemi... vanno bene tutte, tenuto conto che vi sono persone che festeggiano il S. Natale senza sapere le origini.. perché dovremmo ricoprire di reprimende questa ricorrenza?
Per cui, buona notte di Aulin a tutti e se suonano alla porta? Dolcetto o Scherzetto? Non rovesciate il pitale della finestra e offrite un dolce, è un modo per stare vicini e divertire i più piccoli.

sabato 31 ottobre 2015

Addio Arnold's

E' morto Al Molinaro. il Mitico Alfred "Al" Del Vecchio proprietario di "Arnold's" sede di tutti gli episodi di Happy Days.
Chi lo ha conosciuto ricorderà la mitica frase "Eh già, già, già ..."
Era lui ad assistere alle strane avventure quotidiane dei nostri beniamini televisivi. Lui non metteva becco, ma con ostinata filosofia tutto osservava e concludeva con un laconico "già, già, già"...
Ciao Al. Simpatico amico delle serate in Tv.

Frankenstein Junior


Non si può prescindere da questo capolavoro del cinema, senza dare uno sguardo a quell'autentico mattatore che è Martin Feldman.
Che dire di questo Film, che non sia già stato detto?
Che ribalta il dramma scritto da Mary Shelley. Che dimostra che anche con le peggiori intenzioni il bene trionfa.
Che gli attori sono in uno stato di grazia assoluto. Che è un autentica opera d'arte in grado di mettere d'accordo critica e pubblico.
Girato nel 1974, Mel Brooks da un idea di Gene Wilder (attore principale) riprende le stesse scene, strumenti e struttura del film originale, mutandolo in divertente scherzo.
La scena della gara di freccette con l'ispettore Kemp? Geniale.
Ululì, Ululà! Grandioso.
Frau Blucher! e i cavalli si imbizzarriscono!
Che dire del mostro che balla e canta al cabaret?
Tutto questo su il sito ufficiale

The Eagle

Il filo rosso di questo film è l'onore.
Quello perduto e quello ritrovato.
La Nona legione scompare nel profondo della Britannia, il figlio del suo comandante vuole ritrovare l'aquila, simbolo di Roma, per riabilitare la sua famiglia agli occhi dei suoi concittadini.
Uno schiavo si lega a quest'uomo e presta un giuramento di prestare servizio in cambio della vita.
Un soldato romano, fuggito di fronte alla battaglia, si riabilita in un nuovo scontro.
Ben girato, ottimi paesaggi, trama godibile e mai fiacca. Un film che ci fa conoscere un ottimo Channing Tatum.
Rivisto più volte.

Referendum? no, grazie.