lunedì 18 luglio 2011

il giovane Hitler - il film

Miniserie in due puntate sulla vita di Hitler sino alla conquista del potere.
Ben fatto ed educativo. Bravi gli attori.
Si coglie il clima di odio, disperazione, miseria da cui nacque il Terzo Reich.
Non lo giustifica ma lo spiega con dovizia di informazioni.
Bravo infine Robert Carlyle nel ruolo di un Hitler preda di se stesso e dei suoi fantasmi. Ruolo certamente più impegnativo di Full Monty.

venerdì 15 luglio 2011

L'ultimo dei templari - il film

Piacevole, veloce, intrigante.
Anche se il titolo é completamente sbagliato.
Doveva essere tradotto ne "la stagione delle streghe" ma come al solito in Italia ci diamo dei titoli del puffo per riscrivere inutilmente e deviare l'attenzione del pubblico.
Forse volevano richiamare l'ultimo dei Mohicani? Forse l'ultimo dei babbei? e chi lo sa???
Riassunto: battagli di crociati con soldato che incita a combattere, seconda battaglia con soldato che incita a combattere, terza battaglia con soldato che incita a combattere, quarta battaglia con soldato che incita a combattere. I soldati si scassano la minchia di questo rumore di fondo, giustamente uno combatte (e questo di per sé é gia difficile) ma vorrebbe un po di silenzio almeno per concentrarsi. E invece no questo rompiballe dietro di loro che ad ogni battaglia continua: "avanti, combattete contro gli infedeli, nel nome di Dio, nel nome della Chiesa" e basta!!! stai zitto no?! Poi uno si stufa e diserta. E infatti i due protagonisti si scassano e disertano. Tornano a casa e trovano la Peste (mai che uno torna a casa e trova che so, due patonze che lo aspettano per far festa. NO! La peste). E di chi é la colpa? Di una strega che deve essere portata attraverso un sentiero nella foresta, con i lupi mannari e i ponti costruiti con il culo (manco sulla Salerno - Reggio C.) e quando arriva dove deve andare che trovano? Ancora la peste e la strega che si trasforma in Diavolo e i morti che fanno gli zombie! (anche qui piccolo ragionamento: ma é possibile che gli zombie abbiano praticamente rubato la scena a tutti i mostri del passato ? Non c'è oramai film che non li chiami in causa, poveri, che straordinari) Ma cavolo é veramente dura la vita del cavaliere disertore. Ed infatti muoiono tutti, compreso il demonio, ma siccome il film deve essere educativo e mandare a casa la gente di buon umore, la strega si risveglia dal maleficio e ritorna ad essere una bella patonza e vicino a lei ecco il bel giovincello nominato cavaliere fresco fresco. Scena finale: i due sepolti gli amici con lacrima di circostanza se ne vanno a spasso e tutti che già prefigurano un ciulone alla prima sosta. Amen

domenica 10 luglio 2011

Source Code - il film

Ripetere un piccolo momento della vita (8 minuti) un infinità di volte sino a compiere la propria missione. E non necessariamente la nostra vita.
Intorno a questa idea si aprono universi filosofici immensi.
Sulla irripetibilità dell'esistenza umana. Sulla importanza di ogni singola azione. Sul rimorso di non aver fatto tutto per bene quando si poteva fare.
Film veloce e gradevole, commuove e coinvolge. Non si intuisce tutto sino alla fine, ma ogni intuizione crea un nuovo quesito. Da vedere.

sabato 9 luglio 2011

Resident Evil Afertlife - il film

Una gran boiata.

Non entrate in quella casa

In origine fu "La Casa" un film de paura, come si dice a Roma.
Faceva paura davvero, e piacque al punto di farne un sequel. Poi, più recentemente fu la volta del condominio... Pensate a Rec, Rec2, the horde, ecc.
Edifici sempre più grandi, invasi da un sacco di mostri e tante scale da scendere per poter scappare o per cercare il bandolo della matassa.
Dallo scorso anno si é tornati all'antico, ma con molte novità.
Lo scorso luglio fu "la casa a Montecarlo" unico interprete Gianfranco Fini, quest'anno (sempre a luglio) "la casa de Roma" con il Ministro Giulio Tremonti nel ruolo del mattatore.
Ma chi manda i mostri? Lui, Silvio.
Non appena qualcuno gli scassa la minchia, eccolo che in appoggio al prode Feltri produce lordate degne del miglior untore. Non ci sono scale da salire o scendere e presenze demoniache da combattere, c'è invece il solito copione che vede bastonare con scoop da macelleria il politico di turno che si mette di traverso o non rispetta i desiderata di Re Silvio. Che dire? Non entrate in quella casa! Potreste non uscirne intonsi.

sabato 2 luglio 2011

I ricci


Sono apparsi improvvisamente dietro casa, sloggiati incolpevoli da un fienile. Che dire? Sono stupendi.

Nelle foreste siberiane