mercoledì 30 dicembre 2009

Una via per Bettino Craxi

Il Sindaco di Milano, Letizia Moratti, vuole intitolare una via a Bettino Craxi. A suo tempo presidente del Consiglio e Capo indiscusso del defunto PSI oltre a indiscusso mariuolo del periodo tangentopolitano.

Ora posso capire che i pregi di Craxi siano indiscussi: aver salvato Silvio dalla Legge Mammì (vedi come ride qui di fianco l'allegro figliuolo), aver foraggiato moltitudini di farabutti, (Pio Albergo Trivulzio ??? Chi era costui ?) aver messo in ogni banca, ministero, azienda pubblica etc qualche suo accolito.. aver fatto delle tangenti un sistema istituzionalizzato (Nicolazzi? un dilettante).
Per favore signora Moratti! Capisco che in politica ci sono debiti da pagare, ma lei li posticipi come si fa con la cambiali in protesto giustificandosi con la crisi economica. Non dia a questo signore fuggito in Africa per non farsi processare da reati che aveva commesso, modo di essere ricordato e magari confuso con un Dante Alighieri o un Foscolo...
Vorrei continuare ad andare a Milano ed alla domanda "Scusi via Craxi dove sta?" Poter rispondere: "Ad Hammamet". Grazie

martedì 29 dicembre 2009

La fisica dei supereroi

Un libro spassosissimo. Coniugare scienza e fantascienza permette di divertirsi ed imparare con facilità le principali leggi che regolano il mondo.
James Kakalios ci riesce.
Finito di leggere ieri sera mi ha favorevolmente impressionato e quindi ne consiglio la lettura a tutti voi. Un ottimo antidoto contro l'ignoranza scientifica e un introduzione al mondo della fisica passando da un ingresso facile facile...
Buona lettura.
Da applicare come metodo ai film ma anche alla vita quotidiana, quando qualcuno fà lo spaccone dicendo che può far la tal cosa o ha visto fare la tal altra provate ad applicare il metodo scientifico: Ne verranno fuori delle belle.

sabato 26 dicembre 2009

Oggi

Ieri é storia.
Domani é mistero.
Oggi é un dono.
E' per questo che lo chiamiamo "presente".
Babatunde Olatunji, educatore e artista (1927-2003)

venerdì 25 dicembre 2009

E' Natale, anzi no, é già passato...

La mia solita polemica, questa volta inizia dagli auguri a tutti di Buon Natale.
Mi pigliava bene il Babbo qui di lato, mentre fila a forte velocità con la vespa colma di regali.
E' un pò la metafora della nostra società.. Ieri ero al supermercato per gli ultimi acquisti... e che ti vedo? Le calze per l'Epifania... tra pochi giorni troveremo già le maschere per carnevale e a metà gennaio con un minimo di attenzione si potranno già trovare le colombe pasquali...
Ad aggravare il tutto c'é che le luminarie natalizie sono esposte da metà del novembre scorso ed in alcuni casi sono lì dallo scorso anno...
Oramai siamo in un minestrone senza tempo e senza spazio! Il futuro é adesso. E' ieri oggi e domani ... non ci si capisce più un emerito cippo!! Ma che cavolo! Io mi sento vagamente straniato. Provate a chiedere ad un bimbo di darvi un punto di riferimento!? Io non ci riesco più. Se svenissi, al mio risveglio non saprei dire con esattezza da quanto tempo sono stato assente perché guardandomi in giro non avrei più certezze. Non mi credete? Guardatevi in giro e poi datemi, datevi una risposta! Auguri

mercoledì 23 dicembre 2009

Le Ferrovie dello Schifo

F.S. significa Ferrovie dello Schifo e non più dello Stato.
Se questo di fianco vi sembra un A.d. vi state sbagliando.
I soldi (nostri) li prende per le demenze che dice... Portarsi panini e coperte da casa perché quando si viaggia su un treno é meglio essere previdenti é un pò come ammettere senza troppi giri di parole che il suo ruolo é fallito, che le Ferrovie sono quelle dello Schifo e che oramai siamo al fai da te.
E che pretese hanno questi italiani, che oltre a pagare il biglietto per viaggiare su questi "treni" pretendono pure assistenza se il medesimo ha ritardi di "sole" 4 ore?
A casa! vergogna. Per uno che viaggia in auto di lusso e prende stipendi indegni per le boiate che dice.
Perché non provi tu l'odissea dei pendolari su quelle specie di carrozze che chiami treni? con le piattole, con i bagni in condizioni indecorose, con le stazioni incivili e pericolose? Ma per piacere. Altro che "E' come quando uno va in automobile... ma cosa significa? Ma credi che i soldi stanno sulle piante? Ora siamo al "speriamo che non faccia brutto" ma ohoooo! siamo mica in Sudafrica con il bel tempo tutto l'anno... qui l'inverno nevica... ma lo sai oppure no? A casa please.

martedì 22 dicembre 2009

A Copenhagen il clima non c'era















A nulla é servito chiamare questo vertice quello di Hopenhagen, il porto della speranza.
Ci si é arrivati con un nulla in mano e si é ripartiti con uno zero in tasca.
Come qualche autorevole esponente ha detto: "buoni propositi tanti (ma non troppi) esiti e mezzi zero. Come tentare di scalare l'Everest in scarpe da tennis.... ".
Per garantirsi un presunto benessere oggi, si sacrifica il futuro delle nostre generazioni e di fatto il nostro stesso futuro. Il clima andrà a farsi fottere e noi con lui. Quale folle personaggio può arrivare a questo é tutto da capire. E bene ha fatto chi ha esposto le immagini invecchiate dei leader del mondo con la scritta "I'm sorry, we could have stopped catastrophic climate change... we didn't"...

Ora restiamo in attesa della solita sequenza di belle parole in attesa del prossimo inutile meeting

lunedì 21 dicembre 2009

il crollo di Varese

Le classifiche si sa, si usano se danno dati confortevoli, si snobbano ed ignorano se ci danno contro... Questa é una delle prime regole che ho imparato facendo politica.
Sarà dura in questo caso, da parte della classe dirigente della Provincia di Varese, fingere o snobbare l'autorevole classifica che annualmente il Sole 24 ore sforna....
Il capitombolo di 30 posizioni che Varese ha fatto in termini di qualità della vita (dal 27 al 57° posto) la dice lunga sull'incapacità di certa classe politica, sull'assenza di strategie di assessori inventati alla bisogna (al marketing... ma de che?) di problemi che non si risolvono e non si risolveranno mai.
Il feudo di Bossi é esempio di un metodo (quello leghista) che riesce solo a presentarsi come cane da guardia del prossimo (vedasi Gallarate, Busto, la stessa litigiosissima Varese, paragonata a Beirut da amici molto influenti e attenti alle cose politiche).
Novità? Poche. Si veda il disastroso risultato dei mondiali di ciclismo fortissimamente voluti dai soliti noti che ha dato in cambio veramente poco e molti debiti al territorio.
Se le mie critiche non piacciono spiegatemi questo crollo nella classifica delle province italiane.
Attendo nuove...

domenica 20 dicembre 2009

Dorian Gray ovvero l'anima de li mortacci tuoi...

Fare ogni genere di nefandezza senza pagarne le conseguenze.
Non avere una morale ma nasconderne al mondo l'immagine degradata che questo comporta.
Oscar Wilde scrisse questo bellissimo romanzo, ora trasformato in un altrettanto bellissimo film.
La decadenza umana di Dorian va di pari passo con quella materiale del suo ritratto, sino ad obbligarlo ad uccidere ed a legarsi al Demonio sempre di più. Un film da vedere assolutamente.
La morale: non fatevi ritrarre, non fate giuramenti che comprendono la vostra anima, non comportatevi male anche se siete certi che gli altri non verranno mai a saperlo.
Per certi versi é il rovescio del film "l'uomo invisibile": basta non dover rendere conto al prossimo che i freni morali vengono meno....

mercoledì 16 dicembre 2009

La pandemia? C'é già, si chiama malaria

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) é una malattia che colpisce 300 milioni di persone all'anno.
Nel Mondo, un bambino ogni 30 secondi muore di malaria; il 40% della popolazione mondiale (per lo più quella poverà é a rischio. 1 milione di morti all'anno. India, Sud Est Asiatico, America Latina.
Per non parlare dei danni economici: 12 miliardi di dollari all'anno solo in Africa.
La malaria é prevedibile, é curabile, é cancellabile dalla Terra.
Ovviamente si fa poco, e soprattutto non fa notizia. Novartis distribuisce il farmaco in forma no profit. Ora occorre che gli Stati facciano la loro parte. Questa é pandemia.

martedì 15 dicembre 2009

No! un martire no, per favore

Il gesto del sig. Tartaglia é un fatto grave, ma va circoscritto per quello che é: il gesto di un malato mentale nei confronti di una personalità famosa nel mondo contemporaneo.
Quindi: niente teoremi, giochini politici, vendette di ogni tipo.
Resta la gravità del fatto.
Resta certamente il clima feroce delle continue dichiarazioni del Premier e le controrepliche dei di volta in volta colpiti (anche loro) dalle sue....
Se una lezione deve darla, (come é giusto che sia) questa vicenda deve far capire quanto sia fragile la democrazia e quanto é facile trasformare un movimento di folla in un movimento di pancia...
Berlusconi non meritava di prendersi in faccia un Duomo di Milano in alabastro. E come lui nessun altro. Se si parte da questo assunto tutte le altre valutazioni ci stanno... Se non si accetta questa base civile di confronto allora non vale più nulla... le mie idee sono più "buone" delle tue solo perché i miei Duomi in alabastro fanno più male di altri quando li prendi sul grugno..
Quindi ancora una volta solidarietà al colpito, pietà al colpitore, riflessione sul concetto di confronto politico. Traduzione: diamoci tutti una calmata!

domenica 13 dicembre 2009

Difendiamoci da Google

Intendiamoci: niente di personale contro questo utilissimo programma, oramai sinonimo di web, di internet, di cultura, di ricerche, di tutto lo scibile umano, del reale, del finto, del falso, del vero, del possibile, delle notizie in tempo reale, delle bufale in tempo reale, delle bufale in tempo differito, delle puttanate che combiniamo e che poi non sappiamo come nascondere, della privacy violata e non, della pubblicità, della fortuna delle persone, della sfortuna delle persone.....
Nella realtà Google ha addomesticato il nostro cervello. Impedisce di usare il giudizio che diviene necessario in una società come la nostra per non confondere una notizia vera da una molto cliccata...
Voi capite bene che la realtà rischia di essere manipolata in ogni modo, dalla pubblicità, dai soldi, dal potere politico o da ogni e qualsiasi rendiconto possibile.
Per questo occorre utilizzare la testa, non per smettere di usare Google, ma per usarlo con senso critico, non fermandosi al primo degli elementi proposti dal motore di ricerca ma da quello che sono in grado di capire con la mia intelligenza, da quello che mi convince maggiormente, la cui fonte é sicura e possibilmente indipendente.

Babbo Impiccato Natale

La foto non é mia, ma rende bene l'idea.
Ma come piffero si fa a profanare l'idea di Babbo Natale mettendo sti poveri pupazzi tutti disarticolati manco fosse in corso un pogrom?
Ma vi sembra normale di veder apparire a finestre e balconi omini rossi e bianchi, taluni financo impiccati, altri disarticolati manco avessero finito le ossa che li sostengono?
Alcuni di questi gridano vendetta! Se potessero parlare tirerebbero di quelle maledizioni a chi li ha appesi.... da tapparsi le orecchie per le oscenità riprodotte....
Ma che pena, ma che strazio.
Per piacere, quest'anno attaccateci l'abete natalizio che penzola dai balconi (magari con tutto il vaso)... Attaccateci le renne a penzolare (magari un cosciotto di renna) ma smettetela di sbeffeggiare il povero Babbo.
Grazie.

Into the wild - il film in cui alla fine lui muore

Into the wild - nelle terre selvagge; un film di Sean Penn.
Volevo vederlo in compagnia ma la risposta é stata: é quello in cui lui alla fine muore... Così, rovinato il finale e declinato l'invito ho finito per guardarlo da solo...
Intanto una conferma: alla fine lui muore.
Il film narra la storia vera di Christopher McCandless che abbandona la società civile per un lungo viaggio sino in Alaska. Il film é la storia di un viaggio interiore ed esteriore. Parecchi sono i richiami letterari ed i libri che passano tra le mani dell'attore che con il passare del tempo muta il suo nome da Christopher in Supertramp. "Sulla strada" di Kerouac, "il Dottor Zivago" di Pasternak, "la felicità familiare" di Tolstoj.
E' vero alla fine lui muore, ma il racconto del viaggio, l'ambiente, la natura, la sfida per cercar se stessi sono da premio Oscar. bello.

lunedì 7 dicembre 2009

A Copenhagen é l'ora della congiura

Sarebbe una congiura quella delle mail che vorrebbero cancellare i dati che negano l'opera dell'uomo nell'innalzamento delle temperature.
E' questa la probabile conclusione cui si sta giungendo a seguito della scoperta di centinaia di mail spedite tra scienziati ove si cercava di cancellare i dati che si opponevano alla linea maggioritaria della responsabilità dell'uomo nel riscaldamento del globo.
Ancora una volta, si cerca di far passare con il sistema della congiura (meglio di un film di James Bond o di Borne...) una porcata quale, quella che vorrebbe il pianeta non in viaggio verso l'autodistruzione ma frutto di imbrogli da parte di scienziati troppo ambientalisti.
Già non si veniva a capo di niente e questo incontro sarà un fallimento; se poi ora siamo alle bugie si rischia addirittura di tornare indietro... Aiuto !!!

giovedì 3 dicembre 2009

Non dimenticare Bhopal

25 anni fà, il 2 dicembre 1984 nella cittadina di Bhopal, in India, esplose una fabbrica di insetticidi di proprietà della statunitense Union Carbide. Ad oggi sono morte 30.000 persone; gli invalidi oltre 100.000.
Per non dimenticare questo disastro.
Per ricordare che l'ambiente non é in vendita.

venerdì 27 novembre 2009

La Lega propone CIG a tempo per gli extracomunitari

Che tristezza!
Che pena!
Che cattiveria inutile!
La proposta della Lega, fatta in Commissione Bilancio alla Camera, che prevede il limite di 6 mesi per i lavoratori extracomunicari che si trovano senza lavoro e devono usufruire della Cassa Integrazione a vantaggio dei lavoratori italiani é quanto di più razzista, fascista, retrogrado, inumano si possa ipotizzare.
Il sonno della ragione é preda di questi ominicchi che credono di risollevare le sorti del Belpaese danneggiando i più deboli.
Vergogna. A casa queste personcine con un piccolissimo cervello ed una grandissima cattiveria.

giovedì 26 novembre 2009

La matematica del clima

Perché per parlare di clima bisogna parlare di matematica?
Semplice: il 15% di 100 é più o meno del 10% di 160?
E' meno, ovvio! uno é 15 l'altro é 16.
Qui stà il trucco. Quella annunciata dal Presidente degli Stati Uniti d'America in occasione dell'incontro sul clima a Copenhagen é l'ulteriore presa in giro, arrivata dopo che presi i dovuti accordi con la Cina, non si intende ammettere che l'incontro previsto da tempo sarà l'ennesimo flop annunciato.
Quindi come si esce dall'impasse? Dichiarando che si ridurrà il 20% delle emissioni di un valore del 2005 che é minore rispetto a quello del 2007 per cui si doveva tagliare del 10%.
Ovviamente, noi babbei ci caschiamo e l'intero mondo dei media grida al miracolo.
Saremo tutti in salvo, l'inquinamento si ridurrà e il progresso avanzerà.
Oltre al Nobel per la Pace consiglio al presidente degli Stati Uniti d'America di ritirare il Nobel delle bugie. Auguri.

martedì 24 novembre 2009

La libertà che in Cina non c'é

La persona in fotografia é Huan Qi.
Ha avuto la malsana idea di cercare di difendere le migliaia di famiglie che nel terremoto del 2008 in Sichuan (Cina) hanno perso i loro figli.
Oltre 5.335 bambini erano morti in quelli che sono stati definiti "edifici di cartone".
Ovviamente questo non é piaciuto al governo centrale cinese, timoroso di essere tirato in causa per la corruzione dei politici e delle imprese di costruzione che hanno evidentemente costruito non regolarmente pagando tangenti.
Quindi dove stà il problema? Tre anni di carcere per Huan Qi per avere illegalmente acquisito segreti di Stato. Quali siano questi segreti ovviamente é un segreto.
Questa é la democrazia in Cina. Quello Stato con tutti noi dovremo e dobbiamo fare i conti tutti i giorni, facendo la spesa, scegliendo i nostri prodotti.... Meditate gente, meditate...

sabato 21 novembre 2009

Viva l'Arma dei Carabinieri

Oggi ricorre la Presentazione della Beata Vergine Maria al Tempio.
La celebrazione é motivo di festa anche per l'Arma dei Carabinieri che della B.V.M. ne ha fatto riferimento e Patrona.
"Virgo Fidelis" intesa come missione di corredentrice del genere umano... un pò quello che la Benemerita fa tutti i giorni.
Grazie di cuore a tutti i Carabinieri per quanto fanno e per essere punto di riferimento serio, onesto e pulito della ns. Repubblica.

lunedì 16 novembre 2009

Ora la coda ha la crisi

Ma allora, sta crisi c'é o non c'é? E' finita o non é finita? Ma quando la piantate di prenderci per il culo???
Pensate che non ci accorgiamo delle difficoltà quotidiane per tirare la fine del mese?
Io non ho l'auto blu, il treno pagato, l'aereo pagato, 30.000 euro al mese, tutte le prebende da sottogoverno di questo signore qui a lato, ma la crisi la sento eccome. La leggo negli occhi delle persone che conosco, la vedo nei negozi chiusi e nelle luci delle vetrine che non ci sono più, nei saldi e nei liquida tutto, nelle persone in cassa integrazione....
Ora il ministro Brunetta dichiara che la crisi ha la coda, salvo poi dire che la crisi non c'é.. ora mi spieghi che razza di bestia é quella che ha solo la coda...
Ma quando la piantate di dire cagate e scendete sulla terra come i comuni mortali? Invece di sparare cavolate a tutto spiano e insultare tutti: dipendenti statali, poliziotti, sanitari.... un pò di rispetto per il lavoro e la dignità altrui... VERGOGNA!

domenica 15 novembre 2009

Salviamo Silvio!

L'ennesima truffa, l'ennesima legge salva Silvio che avrà conseguenze irreparabili per il sistema giudiziario italiano e manderà fuori di galera ogni genere di mariuoli.
Adesso basta! Salviamo Silvio da questa sua mania di persecuzione.
Qualcuno spieghi a questo signore che in Italia esistono le leggi e chi le vìola commette un reato ed é punibile oltre che processabile.
Qualcuno gli dica che con tanti soldi ed un buon avvocato i processi si possono affrontare e magari anche vincere.
Oppure tirarli per le lunghe e mandarli in prescrizione... che é poi quello che ha fatto sinora.
Perché si spendono tanti soldi per il Ponte sullo Stretto ma nulla per la Magistratura?
Da una parte c'é da far felice qualcuno... dall'altra parte zittire, intimorire, rendere inefficace qualcun altro. Vi basta? A marzo si vota... diciamogli basta.

A Copenhagen l'ambiente non avrà nulla

E' bastato che Cina e Usa si incontrassero tra loro per decidere che sul clima e sulle quote di CO2 non vi sarà alcun accordo.
E quindi che Copenhagen sarà un altra occasione sprecata.
Rasmussen é stato costretto a volare sino a Singapore per sentirsi dire che l'accordo non ci sarà più. La giustificazione (come se servisse trovarne una) é stata che 21 giorni sono pochi per prendere decisioni così importanti.
E così una data che nelle speranze di molti doveva essere storica, preparata da lungo tempo, é diventata l'ennesimo incontro pieno di belle parole ma vuoto di risultati.
C'é di buono che non abito in riva al mare e che mi piace il caldo.
In nome del profitto il Mondo va a rotoli.
Grazie Obama, Grazie Hu Jintao

giovedì 12 novembre 2009

Siamo tutti ministronzi

Se Alessio Spataro cerca il successo lo ha trovato.
Certo, forse non come pensava lui, ma tant'é l'importante di questi tempi é parlare, parlare, parlare.
Trovo indecente dare della stronza ad una delle poche donne della politica e ancora meno ad una come il Ministro Meloni, che si é fatta da sé, con impegno, fatica, sudore.
Allora, mi spiace siamo tutti ministronzi.
E Spataro, per favore, lascia perdere.
Che bisogno c'é di rendere tutto così indecente e decerebrato?
Credo nessuno.
Ripeto: basta schifezze.

mercoledì 11 novembre 2009

L'invasione degli ultracorpi - Jack Finney

Conosciuto in Italia come "Gli invasati" é un film assolutamente da vedere ed un libro assolutamente da leggere. Nel puro spirito di maccartismo che pervade il periodo (siamo nel 1955) in America, questo romanzo mette il lettore di fronte al pericolo comunista: rendere le persone tutte uguali ed insensibili al prossimo ed ai propri bisogni.
Anche se il finale pare essere positivo, fa riflettere l'impossibilità di distinguere gli invasori dalle persone normali (durante il sonno i bacelloni sostituiscono gli umani) se non dalla loro assoluta assenza di emozioni.
La forza psicologica del film sta nel terrore che scaturisce dalla mancanza di punti di riferimento: chi é buono, chi cattivo, chi amico, chi nemico. Questi interrogativi sono veramente tali da rendere questa storia superiore ai tanti film dell'orrore odierni.
Invasion of the Body Snatchers é la trasposizione in film del 1956, é diretto da Don Siegel.
La totale assenza di effetti speciali, il costo contenuto e le atmosfere di paura ne hanno fatto un film di culto.

martedì 10 novembre 2009

il Sesto Senso - film

Visto l'altra sera in turno.
Avevo la video cassetta ed ho approfittato di un offerta per passare al DVD con le scene tagliate e l'intervista a Shyamalan, Bruce Willis, Hale Joel Osment.
E' un bellissimo film. Con il finale a sorpresa che stravolge completamente il tipico percorso del filone horror.
Anche le scene tagliate mi hanno colpito favorevolmente ed é un peccato che non siano state inserite perché avrebbero dato un taglio più sinistro al film stesso.
Ogni volta che assisto alla scena in cui il piccole Cole confessa alla madre che vede i morti e che porta i saluti della nonna non riesco a trattenere le lacrime.
E' come se quella scena appartenesse a ciascuno di noi. Il filo che ci lega al nostro passato, ai nostri cari che non ci sono più, alle cose non dette e che ci mancano.
Da vedere.

Stecchiti - Mary Roach

Finito stasera.
Divertente, interessante, curioso.
Mi ha aperto la porta di un mondo sconosciuto.
Ho a che fare con i morti nel soccorso; ma questo si limita al trasportarli all'ospedale o al limite a far loro compagnia in attesa che arrivi il medico e che dica appunto che sono morti....
Cosa succeda dopo qualche tempo ai cadaveri era cosa che avevo immaginato spesso ma mai approfondito. Anche perché nella nostra cattolicissima società l'argomento é tabù e soprattutto é di quelli che si cerca di non conoscere per non porre domande stupide ed ottenere risposte spiacevoli.
E poi anche perché non si sà a chi farle...
Ora, un testo leggero come la nostra anima ma intenso come il nostro corpo. Il risultato: La morte ci fa meno paura... e l'idea di essere dimenticati e non continuare in qualche modo a vivere, sopravvivere a noi stessi si ridimensiona a favore di un nuovo modo di vedere il mondo. 256 pagine. due settimane di lettura sbocconcellata qua e la... mai noioso, zeppo di info e aneddoti .. Buona lettura!

domenica 8 novembre 2009

30 giorni al buio

Un horror di quelli che sanno far gustare il sangue, "lo splatter" senza esagerare.
Gli abitanti del villaggio non sanno contro cosa vanno e di conseguenza non sanno che pesci pigliare.
Bella la scena ripresa dall'alto con i vampiri all'attacco.
Belle le scene in primo piano dei vampiri stessi, che riescono a rubare la scena ai poveri alienati che vivono in culo ai lupi.
Alla fine viene quasi da pensare che i "vampiri damerini" non facciano nient'altro che un pò di pulizia...
Un pò forzata la scena finale con l'eroe di turno (in tono minore) che si sacrifica per la sua amata... e nonostante sia infetto non la morde e ....
Il finale non lo racconto.

venerdì 6 novembre 2009

La suina

Se del maiale non si butta via niente, anche la suina ce la dovremo sorbire tutta, senza sconti.
Ha un bel dire il quasi ministro Fazio.
Napoli? Colpa della promiscuità... (razzista)
I medici non si vaccinano? Comunisti!!!
I morti improvvisi? Erano distratti, erano già morti.
Provate a leggere i Promessi Sposi, le stesse frasi, la stessa dinamica, le stesse "grida".
Ad ogni epidemia, tutto il castello di carte che regge le nostre società crolla.
Senza rimedio, senza dignità.
A dimostrare che di nuovo, questo nostro tempo ha solo le cose peggiori. La violenza, l'odio, la virulenza della insofferenza.
Nulla più. A parte la suina, quella nuova si! Oppure no?

martedì 3 novembre 2009

Dieci minuti ogni mattina

Jorge Cruise in un suo famoso libro intitolato "Otto minuti ogni mattina" cerca di spingere il pigrone medio che si annida in noi a darsi una mossa per riprendere sane attività sportive e maggiore attenzione al corpo ed all'alimentazione.
Ma per la mente? Facciamo altrettanto?
Dieci minuti al giorno solo per noi.
Per riflettere su cosa si é fatto e cosa si farà. Per darsi una ragione continua per essere di buon umore e regalarne agli altri. Per raggiungere i nostri obiettivi.
Dieci minuti per ascoltare musica, leggere qualcosa di intelligente, istruirsi, darsi un motivo.
Per uscire dai soliti pasticci e vedere dal di fuori le piccole difficoltà che ci appaiono così insormontabili. Per scoprire un lato positivo nelle sfighe/sfide quotidiane.
Non c'é maggiore risultato che nella perseveranza, nel fare ogni giorno un piccolo sforzo per migliorarci e mantenerci in forze fisicamente e mentalmente.
Provare per credere.

lunedì 2 novembre 2009

il volto di un eroe

Quando si pensa agli studenti, molti tendono ad immaginasi i soliti lazzari impegnati solo ad inseguir le compagne di scuola, fumar spinelli e filosofare sulla vita ed il mondo.
A volte però vi sono persone che ci ricordano che anche i giovani sanno prendere la vita sul serio ed assumersi responsabilità più grandi di loro.
E' il caso di Mahmud Vahidnia, studente iraniano vincitore di un'olimpiade di matematica.
Ha osato criticare l'ayatollah Khamenei davanti alle televisioni ed é stato arrestato.
"Lei non sbaglia mai?".... "Perché non permette a nessuno di criticarla?"...
Parole che a casa nostra possono risultare normali, quasi puerili di fronte allo scontro verbale in atto tra il ns. Presidente del Consiglio e la minoranza parlamentare ed alcuni giornali.
Eppure, a dimostrazione che, la libertà bisogna guadagnarsela e che bisogna sempre vigilare, ecco questo esempio di coraggio e voglia di cambiamento.
Chiedo a tutti di parlarne e di far girare la sua immagine. Se lo merita senz'altro.

martedì 27 ottobre 2009

L'Islanda senza Big Mac

Colpa della crisi.
Ma tant'é a breve l'Islanda non avrà più i Big Mac e le patatine fritte di Mac Doland's.
Causa dei costi per il trasporto dalla Germania della carne companatico (w la globalizzazione !!) al posto dell'arcinoto panino gli islandesi dovranno riprendere a mangiarsi i loro pescetti...
E' un male? Tenuto conto dei costi ambientali di certi prodotti alimentari direi di no.
Se poi aggiungiamo i costi sociali di certe diete, no di sicuro.
Quando andai in Norvegia qualche anno fà mi resi conto di come si mangia male al Nord a causa di certe importazioni di mode e alimenti Nord Americani.
Ora grazie alla crisi, forse le persone apprezzeranno di più la propria terra ed i propri prodotti.

lunedì 26 ottobre 2009

Ad ogni scandalo il suo Trans

Come dice la mia amica Ezia ad ogni scandalo salta fuori un trans.
Ma che ci avranno sti Trans (che vivono in casa popolare, brasiliani, e di strada) ad attirare come mosche politici e calciatori?
Mele (questo no, Ezia mi dice che erano due prostitute + cocaina), Ronaldo, Marrazzo, Lapo ...
Ma allora ha ragione Berlusconi! W la patata!!!
Resta indiscutibilmente penosa la sequenza di dichiarazioni che seguono alla scoperta della marachella da parte del malcapitato di turno: debolezze umane, chiedo scusa....
Ma per piacere !!!
A casa maiali....
E voi mogli: stangate con i manganelli... che questi non hanno capito un casso della vita...

grazie Ezia per le precisazioni

mercoledì 21 ottobre 2009

In aereo per il Premier: non é reato

Se Apicella cantante noto ed apprezzato usa l'aereo di Stato per andare a casa di Silvio ad allietare le serate del noto sovrano, noi paghiamo.
Ma, badate bene! Non é reato.
Il baldanzoso e divertente magnate (oltre che Presidente del Consiglio) ha tutti i diritti di divertirsi, quindi cosa giusta é che noi si paghi per lui e zitti.
Se il suo amico Brunetta (ministro della Repubblica) indagasse su simili porcate invece che proclamare cacce alle streghe quotidiane forse si farebbe la felicità dei milioni di cittadini che si aspettano giustizia. Ma questo é chiedere troppo.
E quindi continui pure il bravo Apicella a viaggiare a spese dell'erario pubblico per allietare Silvio, noi paghiamo per buona pace del peculato e delle leggi scritte per i fessi.

martedì 20 ottobre 2009

La Crisi ? E' finita! Ora siamo nella tragedia

Non vi sentite tutti incredibilmente meglio? Non vi pare che la vita, da qualche tempo vi sorrida? Ma certo! Sono tutti i segnali evidenti, chiari, indiscutibili che la crisi é finita...
Così si affannano a sostenere i politici, i media, i vari soloni o tromboni di volta in volta intervistati.
Ma francamente, voi ci credete?
E' migliorato qualcosa nella vostra vita (ad esclusione dei fatti vostri, innamoramenti o vincite al Totocalcio) che vi hanno convinto che la crisi sia finita?
A me, pare proprio di no! E perfavore che la si smetta di prenderci per il culo... La crisi é finita perché siamo nella tragedia. Siamo nel periodo di maggiore instabilità economica, di mancanza di posti di lavoro, di incertezza del futuro come non si vedeva da parecchi anni.
E se gli indicatori (che poi mi spieghino chi glieli da questi indicatori, che vengono smentiti dalla vita reale) dicono il contrario a me non pare proprio per niente.
La crisi é finita! Viva la crisi.

domenica 18 ottobre 2009

A Tradate via i terrun!!

Se il dipendente comunale di Tradate si scopre terrone é bene che non risponda al telefono del Comune.
Questa é la sostanza delle disposizioni del Sindaco Candiani secondo quanto riportato dal quotidiano "La Provincia" e ripreso su diversi siti in rete.
Il Sindaco ovviamente smentisce, ma ora si tratta di capire se, a rispondere fosse stato un lumbard, con inflessione dialettale del luinese cosa sarebbe accaduto...
Resta un fatto, cosa non ci si inventa per dare addosso al prossimo, ed a maggior ragione cosa si inventano i leghisti per far sentire fuori posto anche coloro che magari vivono qui da oltre 2 generazioni ma hanno il brutto difetto di arrivare dal sud Italia.
Ora i colpevoli di tutto sono gli stranieri, ma non trascuriamo i terroni, mica che pure loro si credano Padani tutto ad un tratto ed avanzino pretese.....

sabato 10 ottobre 2009

Silvio come Mandela

A leggere Panorama "Kill Silvio" ed il Giornale, sembra che a scatenarsi contro Berlusconi sia stata la solita sinistra furbetta che approfitta dei giudici comunisti e del Capo dello Stato (comunista pure lui) per ribaltare la volontà popolare che vuole questo personaggio come presidente del Consiglio.

La realtà ovviamente é un altra: La Corte Costituzionale ha soltanto fatto notare che il "Lodo Alfano" (fatto in fretta e furia per salvare l'imprenditore Silvio Berlusconi dalla Legge per le sue malefatte da imprenditore) é incostituzionale, perché per fare in modo che un cittadino sia al di sopra (e al di fuori dico io) della Legge occorre modificare la Costituzione e non fare una leggina qualsiasi.

Quindi inutile minacciare ed accusare, se li scelga meglio i collaboratori per fare le sue porcate.
Inoltre che ci vada sul serio in galera (dopo i processi che vuole a tutti i costi evitare) così una volta uscito, con la fedina penale ripulita (allora si) potrà ricandidarsi a governare l'Italia, salvandoci dai Comunisti cattivi.

lunedì 28 settembre 2009

Stava Nicòla....

L'Akragas vince e il Presidente dedica la vittoria al Boss mafioso. Accade ad Agrigento, dove Gioacchino Sferrazza titolare di una catena di negozi di giocattoli e presidente della squadra di calcio Akragas ha deciso di dedicare la vittoria al Boss mafioso Nicola Ribisi, di famiglia mafiosa e arrestato per legami con Provenzano. Inutile ogni commento, basterebbe che i giocatori della squadra lo mandassero a quel paese, che i tifosi si ribellassero, che nessuno entrasse più allo stadio. A parte qualche presa di posizione singolare nulla di tutto questo accade... Che dire? Stava Nicòla....

giovedì 24 settembre 2009

Il Piano Cassa

Ho già scritto sull'argomento.
Ma ci devo tornare, ora che le bocce sono ferme.
Il Piano Casa! O Piano Cassa.
Come ho già detto: in Fisica nulla si crea e nulla si distrugge. Per far saltar fuori i soldi che non ci sono si và in deroga alle leggi forzando l'incomprimibilità dei solidi.
Dove ci stà una casa ce ne mettiamo 3. Come al Discount. Il risultato: tutti ammassati come polli.
La Polis e le sue regole: igieniche, sanitarie, di quieto vivere, di decenza? che vadano a farsi fottere!!! e che diamine... l'economia prima di tutto.. Mangiate e cagate!!! consumate oltre ogni limite... indebitatevi, ma fatemi salire sto minchia di PIL che sennò le escort mi si ammosciano...
Intanto il territorio paga. l'ambiente va a rotoli... la città si distrugge.
Evviva Evviva!!!

Gli eroi terroni

Deve essere dura per Bossi dover ammettere che quelli morti in Afghanistan erano e sono eroi.
Questi ulteriori 6 militari, caduti per una causa giusta, ma fuori tempo massimo erano dei terroni.
Venivano dal Sud Italia, quello del lavoro che manca, quello della voglia di riscatto da certa classe politica, quello che non ti lascia scampo: o poliziotto o ladro.
Militare pur di scappare dalla miseria. Eroe per forza. Eroe per conto di altri. Dei Brambilla che al Nord se ne impippano, che votano Bossi perchè "con le buone o le meno buone.." prima o poi ci darà la Padania.
Salvo dire. poverini portiamoli a casa... Prima di Natale... in tempo per il Panetun!!
Onore ai nostri eroi caduti per salvare la faccia dell'Italia (e non della Padania).

venerdì 28 agosto 2009

La Piazza Mercato di Domodossola

Quando passo da Domodossola, ogni occasione é buona per visitare Piazza Mercato.
Se per ognuno di noi esiste un "ombelico del mondo", per me questi é Piazza Mercato.
Secondo la tradizione Berengario I nel 917 avrebbe concesso a Domodossola il mercato settimanale che tuttora si tiene ogni sabato a partire dal mattino.
Intorno un dedalo di viuzze con forti richiami medioevali si aprono su questo bellissimo palcoscenico circondato dalle montagne ossolane.
Non visitarlo é un vero peccato.
Ora che é chiusa al traffico la piazza é diventata un luogo silenzioso e piacevole per un caffé, un buon gelato (gelaterie nei paraggi) un salto in libreria da "Grossi" (visitate le sale affrescate e restaurate per desiderio dei proprietari).
Con il Carnevale diventa il luogo del matrimonio del "Togn e della Cia" (Lucia e Antonio) i rappresentanti della festa e la distribuzione di "Pulenta e Sciriui" (Polenta e salamini).
Molte cose sono cambiate da quando ragazzino percorrevo queste strade. Ma ogni volta questa città riesce a stupirmi. Spero che anche a Voi faccia lo stesso effetto.

martedì 25 agosto 2009

Le riduzione delle emissioni di CO2 ? Una bufala

A che serve il protocollo di Kyoto, se nessuno (o quasi) lo rispetta?
L'unico motivo per cui non si é andati oltre ogni limite é per via della crisi globale dei mercati che ha rallentato le produzioni industriali, ma al di là di qualche raro esempio di lungimiranza (Germania ad esempio) pochi si danno la pena di rispettare i pur blandi limiti per evitare di trascinare la Terra in una tragedia senza ritorno.
Che fare? Prenderne atto ancora una volta e chiedere con forza al momento del voto di rispettare il ns. Pianeta.

il Reader's Digest fallito

Era la mia lettura preferita da ragazzino.
Mia madre era abbonata. E non solo al Reader's ma anche alla selezione (Noi chiamavamo la rivista "Selezione" non riuscendo a pronunciare in inglese il resto del nome) dei migliori racconti.
Li ho scoperto Forsyth con "il giorno dello sciacallo" e "Dossier Odessa", li Peter Benchley con "Lo squalo" e così via.
E che dire poi del Reader's? Ogni mese storie avventurose, scienza, natura, guerra, spionaggio.
In un Mondo ancora enorme e non vittima di internet e della fretta di notizie di oggi, il Reader's era una finestra su quanto accadeva altrove.
Poi con gli anni, il declino. E' di oggi la notizia della bancarotta (pilotata) per una rivista che ha fatto la storia della ns. cultura di adolescenti curiosi.

martedì 18 agosto 2009

Inquinati ma ricchi. Forse.....

In Cina, nella città di Baoji, 600 bambini sono risultati pesantemente inquinati da piombo a causa della presenza di una fonderia nei paraggi del centro abitato.
I cittadini, dopo il tentato suicidio di una giovane hanno tentato di impedire il proseguio della produzione. Le autorità avevano promesso la delocalizzazione (come a Malpensa...) ma di fatto nulla é stato fatto e poco si farà...
Il tutto in nome del progresso, della produzione a tutti i costi e del chissenefrega.
Come facciamo a competere con questa gente? E soprattutto é morale? E' giusto accettare prodotti che hanno alle spalle dolore, morte, malattie, sfruttamento di bambini e donne?
Equità, Giustizia, Solidarietà verso i più poveri.
Un altro mondo ed un altro consumo é possibile.
Ricordatevelo quando pagate meno un prodotto che arriva dalla Cina.
La differenza del costo lo ha pagato un minore, una donna, un condannato a morte che lavora gratuitamente nelle carceri cinesi (5.000.000 di persone secondo le stime Onu).

L'ano nazionale

Non voglio offendere nessuno ma occorre avere la faccia come l'ano per fare dichiarazioni come quelle che riporto qui sotto:

Bossi e Mameli. Dal premier arriva un altolà, anche se in toni estremamente soft verso il Carrocio e il suo leader. "Bisogna comprendere - dichiara- che le esternazioni di Umberto Bossi, a cui mi sento legato da un affetto fraterno, sono carezze per la sua gente e per il popolo della Lega. All'inno di Mameli sono legati momenti di gioia, di commozione, di celebrazione dello spirito nazionale. E poi sostituirlo sarebbe molto complicato. Trovare un accordo tra tutti su un nuovo inno sarebbe difficile. Indubbiamente 'Va' pensiero' è un'aria bellissima, uno dei capolavori del genio assoluto di Giuseppe Verdi, ma si riferisce alle vicende del popolo ebraico prigioniero in Babilonia".

Che cosa significa: "trovare un accordo su un nuovo inno sarebbe difficile? O l'inno lo vuoi rispettare, e con esso lo Stato, la Patria, l'Italia, oppure non te ne fotte una pippa di alcunché.
Il nostro presidente del consiglio (minuscolo, non merita altro) dovrebbe ricordarsi che l'inno di Mameli non é come quello di Forza Italia (oggi Infoia Italia, dalle ultime vicende di letto del suo leader) che puoi cambiare ad ogni campagna elettorale o come quell'altra che cantano le puttane di strada (con rispetto per questo antico e nobile mestiere) "Meno male che silvio c'é" che viene usato durante le serate di intrattenimento prima di darsi alla nobile arte del trombaggio presso le residenze private del nonnetto depravato ed incaricato di pubblico servizio che risponde al nome suo....
Ma facci il piacere... statti zitto...

martedì 4 agosto 2009

Terre rubate (o quasi)

Se un Paese ricco manca di terreni coltivabili come può fare a risolvere il problema?
Una volta c'erano le guerre. Si invadeva il vicino e si sfruttavano le sue risorse.
Oggi si utilizzano forme molto meno cruente: si acquistano i terreni dei PVS (Paesi in via di sviluppo) e li si coltiva per uso personale (come le droghe) e così assicurarsi i raccolti per periodi di magra.
E' un male? Forse no, a condizione che il Paese ospitante non riceva il solito pugno di mosche ma in cambio tecnologia, conoscenze, sistemi per migliorare le proprie condizioni di vita.
Temo tuttavia che non sia questo l'obiettivo dei Paesi che acquistano (Arabia Saudita, Emirati Arabi, Cina, Corea del Sud, Libia, India, Vietnam) e questo nuovo colonialismo porti solo altri problemi o sia solo l'inizio di una nuova forma di invasione.
La dimensione del fenomeno oramai supera i 20 milioni di ettari di terreno per un valore di 20-30 miliari di dollari....

http://rassegnastampa.mef.gov.it/mefeconomica/View.aspx?ID=2009080313401997-1

mercoledì 29 luglio 2009

La cadrega

Bene ha fatto il sito di "La Repubblica" a riproporre l'esilirante sketch de "La cadrega" che vede protagonisti Aldo, Giovanni e Giacomo in una parodia transilvana dei nostri censori padani.
E' forse l'unico modo per trattare le emerite "minchiate" proposte dal partito di minoranza (meno del 10% sul territorio nazionale) che impone le proprie regole a quel minchia del ns. presidente del consiglio e di conseguenza semina lacrime e dolore in tutta Italia.
Dopo essersela presa con gli extracomunitari, non poteva mancare un ritorno al passato con l'attacco ai "terroni" e chi meglio dei professori meridionali poteva incarnare questo incubo padano?
L'esame in dialetto é una "cagata" (non sò come si dica in dialetto, io che sono nordico di genitori nordici, di nonni nordici, che sono nato, vissuto etc a due passi dalla frontiera svizzera) anche perché un dialetto oramai non c'é più. Ogni paese ne parla uno scialacquato dalle nuove leve, eppoi vivaddio, tra tutte le porcate che ha combinato la televisione, quello di insegnare l'italiano (più o meno parlato, più o meno saputo) é certamente un aspetto positivo che non va sottaciuto (o sottaceto, come dicono i Savoia??).
Mentre posso condividere le parole di Bossi su Ici, militari all'estero e richiamo alla serieta nei confronti di Papi Silvio, non posso far passare sotto silenzio queste puttanate.
Io ho studiato e mi sono diplomato con professori (anche) meridionali e a tutti loro devo molto. Soprattutto il rispetto per aver accettato di venire al Nord ad insegnarmi a stare al mondo.
Se Maroni, Calderoli o il figlio di Bossi avessero fatto lo stesso a quest'ora, forse la Lega sarebbe un partito serio, non una cricca di patiti del randello simili a certi ciucchi appena usciti dall'osteria dietro casa.

giovedì 23 luglio 2009

L'infoiato nonnetto

Solo la stampa russa (ex sovietica per intenderci) ha lodato le prestazioni machiste del ns. beneamato vecchietto infoiato.
In tono minore tutti i maschi italiani avranno mugugnato sulle capacità amatorie del loro leader...
Restano alcune considerazioni:
1) se il presidente del consiglio era una donna e faceva quel che ha fatto Silvio il risultato era che dopo tre secondi doveva dimettersi in quanto "Troia";
2) le capacità dei nostri politici e vips oramai si misurano in "trombate" e lunghezza di uccelli (ricordate le foto del Montezemolo desnudo lo scorso anno ??);
3) 2000 e oltre anni di storia e civiltà non hanno insegnato un "cazzo" al maschio medio ed alle allegre società attuali: non importa se sei bravo e governi bene. L'importante é come dice Bossi: "avercelo duro".
Intanto che mi rileggo Freud e Jung sotto l'ombrellone mi viene da dire che non ho capito un cippo della vita e che non sò più cosa insegnare alle mie figlie.
Se vi dicessi che tutta questa vicenda mi fa un tantino schifo mi credereste??

Eccomi qui!

Scusate la lunga pausa!
Sono tornato... e prometto di non essere solo!! Infatti ospiterò contributi di illustri ospiti.
Stupite stupite...
Ciao

lunedì 8 giugno 2009

In che mani siamo capitati

Ecco in che mani siamo capitati.
La gente che si azzuffa per vedere la Noemi napoletana.
Lei che se la ride.
I seggi che vengono chiusi per permetterle di votare sola.
Ma in quale altro paese di MERDA!!! succedono cose così disgustose??
Se gli stranieri senza permesso di soggiorno vengono da noi, forse é perché assomigliamo sempre più a certi regimi africani...
Che schifo. che vergogna. Che ribrezzo, Che assenza di valori che baratro a cui ci tocca assistere senza che ci si renda conto.
Una caduta verso il basso senza più ritorno.

lunedì 1 giugno 2009

Gomorra

A non sapere che é tutto vero, ci sarebbe da dire che é un bel film sulla mafia (o camorra, fa lo stesso).
Purtroppo con 1/3 dell'Italia in queste condizioni non c'é da essere contenti. Anzi.
Un film su cui riflettere (come se ce ne fosse bisogno) e con cui provare a fare i conti.
Regole proprie, Stato assente, economia parallela, morte gratuita, autodistruzione.
C'é tutto in questo film che non stanca, non generalizza, non lascia il tempo per staccarsi.
La quotidianità di chi cerca comunque di vivere pensando che tutto può continuare facendo finta di niente si insinua, si interseca senza soluzione di continuità con l'altro Stato, quello dell'illegalità, senza che nessuno si chieda il perché di questo stato di cose, come se tutto ciò sia logico, normale, assolutamente coerente con la vita di tutti i giorni.
Finisce con l'amaro in bocca (ma non più di tanto, quasi come se anche noi si sia conquistati da questo antisistema e lo si accetti come logico), ma con una sua necessaria conseguenza: tutti scendono a patti, con se stessi e con il sistema.

domenica 31 maggio 2009

Grazie Marcello Candia

Quest'anno si festeggia l'anniversario dei 25 anni dalla nascita della Fondazione Candia.
Marcello Candia, l'imprenditore che abbandonò (come san Francesco) tutte le sue ricchezze per aiutare i poveri del Brasile.
Un esempio di umanità, imprenditoria, serietà che pochi italiani conoscono ma che dovrebbe essere da esempio e orgoglio per tutti noi.
In un momento di aridità, di yuppismo di ritorno, di mancanza di valori, ecco un immagine vincente e buona. Non aggiungo altro.

Tratto da Wikipedia:
Marcello Candia (Portici, 27 luglio 1916Milano, 31 agosto 1983) è stato un imprenditore e missionario italiano. Dopo tre lauree (chimica, farmacia, biologia), e dopo una venticinquennale attività di industriale, vendette la sua brillante azienda, leader nella produzione di anidride carbonica, per costruire un ospedale a Macapá, sul Rio delle Amazzoni, e iniziare un'intensa attività caritativa e missionaria che lo portò a fondare e finanziare 14 opere: ospedali, lebbrosari, centri sociali nelle favelas, due conventi di clausura, una scuola per infermiere e un centro di accoglienza per handicappati. Nel 1991 è iniziato il processo di beatificazione.

Apicella di Stato

Mentre il Ministrino Brunetta continua imperterrito a fare "un culo così" agli statali, al parastato ed agli Enti Locali, simpatici canterini da strapazzo prendono l'aereo di Stato (cioé pagato da tutti noi) per andare alla corte del Re e allietare le serate in compagnia di minorenni e minorati.
Tutto normale direte voi, tutto giusto!
Uno che tutta la settimana si trita i maroni a dar retta a questo popolo di deficienti che sono gli italiani volete che non si rilassa il sabato e la domenica con qualche diversivo?? Non lo fece anche il Signore quando creò la Terra?
E allora che diamine si permettono quelli del PD o quelli dell'IDV di rompere le palle con sta storia del peculato contro il povero Apicella!!! Reo di aver viaggiato a spese degli italiani su aerei di Stato (ma in buona compagnia, cribbio!!) lui e le povere 30 - 40 veline o minorenni a seconda della stagione per deliziare chi si fa un mazzo così perché l'Italia sia sempre più bella che mai...
Vergogna, disgraziati!! Lasciate riposare chi se lo merita... Ingenerosi.

giovedì 28 maggio 2009

I poliziotti? Ciccioni !!

Ultima del Ministro Brunetta! I poliziotti ciccioni se ne stiano a casa.
Cosa pensate? Non vorrete mica che competano con Starsky e Hutch!?
Evidentemente l'altissimo Ministro dimentica che l'adipe non é l'unico impedimento all'azione su strada.... Ad esempio un poliziotto alto 1 metro e 10 difficilmente si arrampica sui balconi o salta dal 2° piano di una casa... Ma é vero che i difetti altrui si vedono eccome.
D'altronde, quest'uomo é alla perenne ricerca della scena (uno Sgarbi in tono minore, non in virtù della sua intelligenza, quanto della maleducazione) e non perde occasione per colpire ai fianchi (magari adiposi) dei funzionari pubblici per trovare consenso tra i cittadini....
Buon appetito! Anzi no, piantala!!!!

lunedì 25 maggio 2009

E per i soldi? I Simpson!!!

Ma si può andare più in basso? Si si può!
Si può avere più indecenza? Si si può!
Non hai soldi? E chissenefrega!!!!!! Te li danno i Simpson!
Senza soldi puoi lo stesso sbragare.... puoi scialare... darti alla pazza gioia...
Poi, ma solo poi... ti verranno a prendere la casa, la macchina o quello che ti é rimasto dello stipendio e poi ... ma solo poi ... vedrai che risate!!!
Che simpatica iniziativa, turlipinarti con immagini felici e gioiose, come se tirare a fine mese fosse una barzelletta, un cartone animato. Come se l'attuale crisi economica, che tutti si affannano a dire già finita, non sia lì ad insegnarci qualcosa.
Ma in fondo chi se ne frega! Evviva i Simpson.

mercoledì 13 maggio 2009

Sempre di corsa

Scrivo poco non per mancanza di idee o argomenti su cui dibattere, ma per mancanza di tempo.
Il lavoro mi attanaglia, gli impegni del volontariato non sono da meno.
Meglio così, meglio essere impegnati che assistere inerti a questo schifo.
Che poi, anche a volerlo commentare, ed a lagnarsi, che ci guadagnamo tutti?
Devo commentare l'idea di mettere l'elemosina a tempo (ancora i super poteri dei Sindaci), avremo morti di fame con il disco orario? e cmq restano in vigore tutte le cazzutissime norme che vietano di sdraiarsi nei parchi, di essere in più di tre in certe zone, di mangiare in strada, di cantare, di sorridere....
Alla rincorsa del consenso e del falso mito della sicurezza si stà trasformando la nostra bellissima Italia in una gabbia di matti...
A breve servirà un vademecum su come muoversi nelle città... anzi quasi quasi lo scrivo e poi lo pubblico come libro.... vedo già il titolo: "L'Italia dei divieti" sottotitolo " Come visitare il Belpaese e non finire nei guai"...
Mi sà che stavolta ci faccio i soldi, poi chiamo Noemi, gli dico che sono Papi e sai che numeri....

domenica 26 aprile 2009

La banalità del male

I recenti fatti di cronaca a livello locale e nazionale, mi hanno fatto riflettere ancora una volta sulla banalizzazione del male.
In una spirale verso il basso, odio e intolleranza richiamano altro odio e altra intolleranza.
Parimenti paura chiama paura in una caduta dei valori e delle barriere necessarie ad una società per sopravvivere.
Ho letto un bellissimo intervento su varesenew che riporto: "La vita non può essere solo quella dei micro cosmi personali, quella del "fai da te" quotidiano dove conta solo avere personali soddisfazioni, ricchezza, benessere materiale. Quella che di fronte alla fatica trova subito le scappatoie delle sostanze stupefacenti. Che di fronte all'assenza di spiritualità trova i maghi e i sensitivi. Quella che di fronte all'insicurezza trova il bisogno dell'uomo nero e delle leggi speciali. Le persone, le famiglie sono lasciate sole al loro destino, stessa cosa vale per la scuola e via via per le poche altre realtà che lavorano nel campo educativo".
Dobbiamo opporci a questa "normalità".... La vita deve essere qualcosa d'altro. Altrimenti abbiamo perso. tutti.

martedì 21 aprile 2009

il gatto masterizzato

L'ultima di mia figlia: Nonna, hai masterizzato il gatto per non fargli fare i gattini?

Non parlerò più male di Silvio

Promesso: non parlerò più male di Silvio!
Non serve a niente. Ed inoltre, chi si contrappone a lui non é da meno, anzi.
Prendiamo Di Pietro: vogliamo ricordare la vergognosa vicenda di suo figlio? Oppure il modo in cui ha gestito i soldi del suo partito? (tutte cose documentate).
D'Alema? Quello delle bombe sulla ex Yugoslavia? quello della barca a vela? quello dell'appartamento in affitto a prezzi irrisori?
Vogliamo continuare? Il campionario dei nostri politici si potrebbe allungare all'infinito e senza bisogno di citare Totò Cuffaro o simili campioni di onestà!
Per citare Beppe Grillo, la percentuale degli indagati più alta d'Italia stà in Parlamento e non in certi vicoli malfamati di Napoli o Palermo.
La moltiplicazione dei centri di potere: ospedali, comuni, province (ma non dovevano sparire?), Regioni (con i Governatori... che pena) ha pemesso una redistribuzione di soldi e di prebende oltre al sottobosco governativo che ha del virulento, peggio della "Spagnola" del 1918.
Ora, perché dovrei prendermela con Silvio? Solo perché é il primo della lista?
Ma per piacere! Ora smetto. Promesso

giovedì 16 aprile 2009

Contrordine Compagni !

Nelle stesse ore in cui si lanciano strali contro la cattiva gestione del patrimonio immobiliare in Abruzzo, si dà il via il piano casa ove si consente di realizzare qualsiasi opera autorizzando anche i Geometri (categoria di cui faccio parte ma di cui ho parecchio ribrezzo... quando vanno oltre le loro competenze)...

Nelle stesse ore in cui, tutti contriti si denunciano le morti sul lavoro e si annunciano provvedimenti urgenti e necessari a fermare la mattanza il Consiglio dei Ministri smonta il D.Lgs. 81/08 riducendo le sanzioni per chi lavora non in regola, in nero, senza il rispetto dei vincoli di sicurezza.

Contrordine Compagni, piangiamo in pubblico, minacciamo sfracelli, ma poi facciamoci bellamente i cazzi nostri !! Scusate la crudezza, ma quando ci vuole ci vuole.

Aggiungo: nelle stesse ore in cui si chiede agli Italiani di mettere mano al portafoglio per aiutare le vittime del terremoto, si buttano dalla finestra 450 milioni di Euro per evitare di accorpare il referendum con la europee.....

Io di soldi non ne dò più a nessuno e per niente. Mi sono rotto! Chiedeteli a Bossi.

martedì 7 aprile 2009

il resto di niente

Se Silvio Berlusconi, nelle sue farneticazioni relative all'ormai famoso 20% avesse detto che serviva per riportare la vetusta edilizia italiana ad un livello di decenza dal punto di vista della resistenza ai terremoti oggi sarebbe diventato "eroe nazionale".
Peccato per lui, la miope visione delle cose lo ha portato a vedere solo gli interessi di bottega a favore dei costruttori, del cemento da vendere e delle famiglie che hanno sempre bisogno dello spazio ove infilare i nonni o i figli...
Resta la realtà delle cose, un terremoto imprevedibile, ma avvenuto in un area soggetta a prevedibilissimi terremoti, in questo momento sta mettendo in ginocchio una delle 8 potenze mondiali.
Al di là del dolore delle famiglie e di tutti noi che cerchiamo di essere vicini agli amici abruzzesi, resta l'amarezza.
Amarezza per vedere ancora una volta, dopo il Friuli, dopo Perugia, dopo il sud Italia, totalmente disattese fior di normativa in materia di sismicità e viceversa privilegiata la crescita "a prescindere" dell'edilizia non importa in quali condizioni, non importa dove e nemmeno perché...
Un semplice calcolo matematico il 20% di zero da come resto niente. Meditate gente, meditate...

sabato 4 aprile 2009

Un treno di padroni

Ricordate la canzone di Guccini?
La locomotiva, lanciata contro l'ingiustizia, contro un treno di padroni??
Ebbene, a molti di quelli che hanno la mia età e che amano Guccini, questo ritornello sarà tornato alla mente vedendo quel celebroleso del ns. presidente con in testa il cappello da ferroviere (per coprire la calvizie) mentre a 300 km orari sfrecciava per l'Italia a dimostrazione della modernità raggiunta grazie al SUO contributo...
Ma la vergogna non sta più di casa?
Mentre milioni di poveracci sopportano locomotori arrancanti e con pulci e zecche (manco in Africa) c'é chi si permette di parlare di progresso...
Ma comincia a sistemare le cose importanti: le fogne che non ci sono, la spazzatura (non quella nascosta di Napoli) le strade scassate, il verde che manca...
Pietà!!!!!!

il Presidente caciarone

Da alcune settimane non scrivo per mancanza di tempo.
E non certo perché manchino argomenti.
Uno per tutti, le minchiate dell'ometto ritratto nella foto a lato.
Le ultime: quella di farsi fotografare con i presidenti Obama (Usa) e Medved (Russia) per poi dichiarare che grazie alla sua mediazione ora i due si sono riavvicinati.
Un pò come quei bambini che si attribuiscono meriti che non hanno per guadagnarsi la benevolenza dei grandi: che tristezza!
E che dire poi della caciarata in casa della Regina a Londra (premesso che la Regina io non la sopporto e quindi avrebbe fatto bene lui a far il solito casino)... ancora una volta ci facciamo riconoscere...
Infine si attribuisce la paternità nell'aver convinto il presidente della Turchia Erdogan nel via libera alla nomina di Rasmussen, reo di essere danese e quindi dello Stato che ha permesso la pubblicazione delle vignette anti - Maometto....
Ovviamente subito smentito! Ma quando cresce questo bambino viziato?

giovedì 19 marzo 2009

Varazze

La psicologia ci ricorda che tutto quanto noi vediamo é filtrato dal cervello e dalle immagini (stereotipi) che ci siamo costruiti di luoghi e persone.
Così capita, che di fronte ad idee preconcette, la realtà si presenti meno rosea di come l'avevamo immaginata e archiviata nella ns. memoria.
E' questo quello che mi é successo domenica scorsa.
Sono stato a Varazze con un bagaglio di ricordi dettato dalle mie frequentazioni di oltre 30 anni or sono quando andavo in colonia dai frati.
Delusione totale!
La spiaggia piena di chiazze di petrolio dove facevamo il bagno non c'é più, inglobata dal nuovo porto (lo chiamano waterfront)... la gelateria dove si gustavano super gelati chiusa.
Il traffico al limite della violenza, il rumore insopportabile (c'era pure una gara di motocross sulla spiaggia)...
Che tristezza. E' mai possibile che andiamo cercando cose che non ci sono e poi non vediamo la realtà ma solo un idea dietro un filtro mentale?
E dire che proprio io scrivo che non esistono fatti ma solo interpretazioni.
Ora dovrò aggiungere che non esistono luoghi ma solo impressioni....
Alla prossima rivelazione!

lunedì 16 marzo 2009

il famoso 20%

In un epoca legata all'immagine ed agli spot, poteva il re delle televisioni non trasmigrare in politica un metodo di vendita oramai collaudatissimo?
Ed ecco allora il 20% in più per le case.
A prescindere; in barba a qualsiasi regola, a qualsiasi logica, per tutti.
Ed allora, ecco che il Popolo Bove improvvisamente si sente ricco! Tutti si immedesimano nel capo. Anche io mi sento un pò Silvio, anche io frego il prossimo, le regole, grazie alla leggina fatta su misura! Chissenefrega se il piano regolatore e l'urbanistica (per non parlare del buon senso) dicono che a forza di costruire più che paesi i nostri assomigliano a pollai. Ma vuoi mettere, la soddisfazione? Ce l'ho fatta anche io... E allora vai così con gli spot che ti danno il 20% in più di tutto quello che vuoi, allo stesso prezzo ovvio...
Perché questa oramai é l'Italia: pizza e mandolino, regole per i fessi, deregulation per tutti (ma a fin di bene intendiamoci), impunità per i soliti noti.
Qualcuno mi spieghi perché non devo realizzare un abuso edilizio, sapendo che oramai le regole non esistono più; e come spiegare il rapporto che c'é tra metricubi, abitanti, servizi erogati, spazzatura da allontanare, verde urbano, asili, parcheggi, auto in più, strade sempre più strette per contenerci tutti...
Una pernacchia alla legalità, perché a bananopoli finalmente é tutto ammesso... e che minchia!!!

sabato 14 marzo 2009

La memoria della Rete

Non abbiamo più scampo!
In un interessante articolo su "La Repubblica" di ieri, Michele Serra, segnala come l'attore Benigni sia stato accusato di aver insultato qualcuno per un video apparso su You-tube riferito a molti anni fà.
Dice Serra: "il Benigni di oggi dovrà rispondere del Benigni del passato".
Analogalmente un articolo sul "Domenicale" l'allegato del Sole 24 Ore, riferendosi a Facebook, fa osservare come questi interessanti strumenti di comunicazione imprigionino le nostre immagini, o quelle fatte da altri ove noi siamo presenti, per sempre.
Anche contro la nostra volontà. Tra le regole per accedere a Facebook, ve ne sarebbe una "cattivella" tale per cui diventa impossibile richiedere la rimozione delle nostre tracce in rete con il rischio di diventare attaccabili, o ricattabili a distanza di molti anni.
Tutti noi possiamo cambiare opinione con il tempo, ma pensate se, una nostra immagine che ci ritrae mentre compiamo un azione (una sbronza in compagnia o una festa in maschera, o altro) resta in rete in eterno, a testimoniare che quell'azione l'abbiamo compiuta....
Ora mi spiego perché Silvio Banana si smentisce sempre quando dice qualcosa! Diventa così impossibile capire quando vuol dire una cosa e quando ne vuol dire un altra.
Ah! mio capitano! Come padroneggia Lui la tecnologia (e le menti dei molti ottusi miei conterranei) non lo sa fare nessuno....

venerdì 13 marzo 2009

Domani

Tutto questo mio correre porterà a qualcosa?
Me lo chiedo spesso. A volte dandomi risposte che mi convincono, a volte non dandomene affatto.
Intanto il tempo trascorre a velocità sempre maggiore ed il mattino dopo, alzandomi allo specchio mi trovo qualche ruga in più e qualche certezza in meno.
Da quando sono al mondo (e non é poco per quel che pare a me) non ho visto migliorie, anzi l'impressione é che la gente, o si é incattivita oppure si é letteralmente scocciata del prossimo.
Mi dico spesso che, peggio dell'odio c'é l'indifferenza.
Per il prossimo , per l'ambiente, per il futuro, per la solidarietà.
La velocità dei potenti strumenti a nostra disposizione ci ha resi insofferenti ai tempi necessari per riflettere e metabolizzare, modalità che per secoli ci hanno accompagnato. Non vogliamo più ascoltare le menate del prossimo, il dolore altrui ci spaventa, la miseria degli altri ci terrorizza, ne rifuggiamo. Abbiamo fretta. Di consumare, di possedere, di spendere. Perdiamo il bello del gustare i momenti che il mondo ci mette a disposizione. La parola d'ordine é subito.
Per questo, cerco tutte le mattine di impormi di sorridere al prossimo ed a me stesso, di ascoltare le ragioni altrui, di non imporre le mie idee a tutti i costi (ma di chiedere rispetto e ascolto), di rispettare il dolore.
Non mi stupisco di vedere riflesse nei visi altrui le mie incertezze. A tutto questo rispondo con la forza di volontà e la speranza che tutto possa cambiare, per il meglio. Domani.

martedì 10 marzo 2009

Le ultime del banana

Lo stesso giorno in cui accusa la Rai di essere contro il Governo perché descrive (molto timidamente) un Paese in difficoltà di fronte alla crisi.
Mentre dichiara che la crisi non c'é ma in suo nome promuove leggi dettate dall'emergenza (e peraltro molto discutibili) l'ultima del Banana é quella di far votare in parlamento i capigruppo e non più tutti i parlamentari.
Perché non far votare solo lui e tutti gli altri a casa? A Mussolini riuscì molto bene per oltre un ventennio. Lui forse tenuto conto dell'anziana età potrebbe farcela per 4-5 anni...
Ma per piacereeeeeee !!!!

Tibet: 50 anni di ipocrisia

Da 50 anni il Tibet é occupato militarmente dalla Cina.
La Cina é intoccabile perché é la prima esportatrice al mondo di porcheria a basso costo e quindi fa bene all'economia.
Inoltre la Cina é il primo Paese al mondo tra quelli che acquistano il debito degli Stati Uniti, quindi nemmeno il presidente Obama può fare nulla...
Il Tibet é la vergogna dei tempi moderni.
Possiamo così prendercela con Hitler ed i campi di sterminio, il Tibet non ha nulla da invidiare a certi sconci del passato.
Meglio quindi passare tutto sotto silenzio o far finta di risentirsi (ma con molta dignità e moderazione mi raccomando).


domenica 8 marzo 2009

il Piano Casa secondo me

La proposta lanciata dal presidente Berlusconi per smuovere il settore edile, oramai ingessato (dopo parliamo dei motivi) merita di essere esaminata e discussa.
Innanzitutto la materia, da parecchi anni é stata demandata interamente alle Regioni e quindi può essere disattesa totalmente o peggio applicata a macchia di leopardo con esiti deleteri.
Inoltre é utile segnalare che:
1) in merito al "premio volumetrico" per chi demolisce un fabbricato e ne costruisce uno nuovo, nulla da eccepire, in quanto questa cosa già avviene in alcune Regioni (Lombardia, Trentino, Piemonte, ecc.) a condizione che l'obiettivo sia il miglioramento dal punto di vista del rendimento energetico, della qualità dell'ambiente e del paesaggio (migliore struttura, migliore materiale, architetture consone con l'intorno). Cosa fattibile a condizione che le regole siano chiare; difficile capirne l'applicazione in centri abitati saturi di volumetria in barba ad ogni indice volumetrico e oramai danneggiate da 3 condoni in 20 anni...
2) viceversa, in merito alla possibilità di ampliamento "una tantum" (si spera) per case esistenti, é norma già utilizzata in molte Regioni, ma vale per aree di frangia, periferia o centro non saturo (le aree a verde privato per intenderci), difficile trovare applicazione in aree sature e sempre resta da capire che ne sarà del Codice Civile: distanze dai confini e da pareti finestrate...
3) l'abolizione del Permesso a Costruire (PdC) a fronte di una generica autocertificazione fatta dal progettista... anche in questo caso esiste già uno strumento analogo dal lontano 1994 (la DIA o Super DIA: denuncia di Inizio Attività), si tratta quindi di capire cosa ci sia di nuovo in questo..

I motivi per cui l'edilizia é ingessata: si é costruito troppo e male: seconde e terze case vuote tutto l'anno; case costruite male ed in deroga a tutto, condoni edilizi a go-go..

Morale: fermo restando che occorre leggere il testo dell D.L. che verrà licenziato dal Consiglio dei Ministri, l'impressione che sia l'ennesima sparata pre - elettorale che non muoverà un fico secco e produrrà parecchi casini... Ricordiamo che le norme statali hanno sempre regalato scempi edilizi perché mai realmente attente al territorio ma solo a far cassa...
Se nulla si crea e nulla si distrugge, in questo caso si perde territorio in cambio di voti... fate un pò voi.

venerdì 6 marzo 2009

Ecco a voi le viti radioattive !!

Poteva forse mancare l'allarme per le viti radioattive provenienti dall'India? Certo che no.
Le associazioni del settore siderurgico alzano il livello di allarme sulle importazioni di acciaio da Paesi extraeuropei. In giro per l'Europa circolano attualmente barre e prodotti d'acciaio inox contaminati da cobalto 50, un isotopo radioattivo utilizzato nelle centrali nucleari e in alcune apparecchiature mediche.
La pericolosità del materiale dipende dalla sua concentrazione nell'acciaio, ma anche dalla frequenza e dalla durata dell'eventuale esposizione della fonte di radioattività.
A denunciare il rischio é stato per primo il governo tedesco, dopo che l'estate scorsa le autorità doganali avevano intercettato alcuni carichi di acciaio radioattivo nel porto di Amburgo.
Il rafforzamento delle misure di controllo si é rivelato insufficiente ad arrestare il "contagio". Alcune barre contaminate sono state infatti utilizzate nella produzione di viti e bulloni, che oggi potrebbero trovarsi ovunque.
Lo scrive nero su bianco uno dei maggiori grossisti di ferramenta europei, la tedesca Wasi, con lcienti in tutto Europa. In una lettera ai suoi fornitori la Wasi li invita a verificare se hanno utilizzato materia prima radioattiva, citando in particolare cinque acciaieri indiane.
Non é chiaro anche se é probabile, se la Wasi abbia merce contaminata nei suoi magazzini, né se l'abbia a sua volta rivenduta ad altri. Né d'altra parte si sa di che tipo di prodotti si tratti...
"Un conto é se una vite radioattiva finisce in una costruzione di un ponte, un altro se viene utilizzata per un impianto destianto all'industria alimentare.
Secondo l'europarlamentare Cristiana Muscardini (An) il problema riguarda anche l'Italia, dove risulta registrato l'arrivo di materiale radioattivo.

Non c'é nulla da fare.. prima o poi le porcate tornano a casa...

martedì 3 marzo 2009

Poste it ALIENE

Il Sole 24 Ore riporta l'interesse europeo per la capillare organizzazione di Poste Italiane.
Con 14.000 sportelli a cui é stato rifatto il look ed i molti servizi offerti, la nuova Spa il cui AD Massimo Sarmi ha appena siglato un accordo con Poste Shqiptare (Albania) intende diventare un must in fatto di professionalità e capacità organizzativa.
Resta da capire se gli albanesi si riferissero a qualche altro Ente o in Europa abbiano capito bene di cosa si tratta..
Poste Italiane fa schifo! Ma vogliamo parlare di disservizi? della Posta persa, buttata, mai recapitata, semplicemente ritardata di settimane? di code improponibili? di terminali rotti, di impiegati sottopagati, stressati, in vera difficoltà a far fronte alla nuova mole di lavoro, in spazi improponibili, fuori legge, senza rispetto delle barriere architettoniche ecc. ecc.
Magia del marketing !!!

lunedì 2 marzo 2009

Gian Piero Motti - I falliti

Ci sono stati tempi in cui sembrava che tutto dovesse cambiare. Erano tempi, quelli degli anni settanta, in cui il vento del '68 non si era ancora (dis)perso e tutto era in discussione. Rapporti, modi di pensare, autorità... niente era immune da questa voglia di ri-pensare le cose, c'era, ed era difusissima, una voglia e allo stesso tempo una necessità di rinnovamento che investiva tutti i campi, anche l'alpinismo.

Questo racconta il libro che ho appena finito di leggere.

La poesia di Gian Piero Motti traspare in ogni pagina, molto autoironico, duro contro certi modi di vedere e vivere la montagna: dall'approccio di massa alla mitizzazione del gesto di certi personaggi dello sport.

Le pagine più belle le dedica ai suoi monti, a Torino, alla sconfitta di un certo modo di intendere la natura e le montagne che rappresentano ancora l'avventura.

i Templari